Venerdì, 05 Giugno, 2020

Prelievi bancomat, nuovo tetto: se superato scatta il controllo fiscale

Prelievi bancomat, nuovo tetto: se superato scatta il controllo fiscale Prelievi bancomat, nuovo tetto: se superato scatta il controllo fiscale
Quartilla Lauricella | 15 Novembre, 2016, 16:33

Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti.

È questo l'emendamento appena approvato al decreto fiscale e che, come riporta l'Adnkrons citando il portale 'laleggepertutti.it' rischia di impaurire contribuenti e risparmiatori. Chi preleva dal conto corrente somme superiori a mille euro in un giorno o a cinquemila euro in un mese potrà essere soggetto ad indagini da parte dell'Agenzia delle entrate.

Vediamo allora quali potrebbero essere le nuove limitazioni.

Cambiano le normative per i prelievi dal conto corrente.

Il pacchetto semplificazioni fiscali che sarà votato domani prevede che per i contribuenti che preleveranno una somma superiore a 1.000 euro in un giorno o 5.000 euro in un mese scatterà automaticamente la presunzione di nero e quindi gli accertamenti dell'Agenzia delle Entrate.

Altrimenti il Fisco potrebbe bussare alla porta e fare leva sulla presunzione di ricavo in nero, da confutare.

La nuova norma creerebbe dunque uno specifico requisito numerico oltrepassato il quale scatterebbe la presunzione contraria al contribuente. La possibilità di effettuare un accertamento fiscale per prelievi o versamenti consistenti di denaro sul conto non ha salvato, infatti, in passato, neanche il lavoratore con reddito fisso, come il normale lavoratore dipendente (di norma ritenuto sempre al riparo dai sospetti dell'Agenzia delle Entrate).

Come si può provare di essere in regola? Con l'ultima novità in materia i limiti si fanno ancora più serrati e per i cittadini è in arrivo una nuova stretta relativa all'utilizzo del proprio denaro. Una prova che non sempre potrà essere data facilmente. Quella del Fisco è una semplice presunzione di irregolarità, che decade quando il contribuente dimostra di poter giustificare il prelievo di somme elevate. I cittadini che per motivi privati si troveranno nella condizione di prelevare cifre superiori ai limiti dovranno tenere traccia e memoria dei propri spostamenti finanziari e giustificare le somme spese e quelle ricevute. Ecco il motivo per cui si consiglia di conservare tutti i documenti giustificativi degli acquisti effettuati.

A cosa bisogna stare attenti?

Tutti i contribuenti, quindi, e non solo i titolari di reddito d'impresa, devono sempre prestare attenzione ai movimenti in entrata e in uscita del proprio conto corrente.

Altre Notizie