Martedì, 23 Mag, 2017

Golden Globes 2017: Meryl Streep ricorda Carrie Fisher e attacca Trump

Anche De Niro sta con Meryl Streep contro Trump Golden Globes 2017: Meryl Streep ricorda Carrie Fisher e attacca Trump
Moreno Priola | 12 Gennaio, 2017, 03:24

Il tutto è stato causato probabilmente da alcune critiche fatte domenica sera dall'attrice stessa, al presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Meryl Streep ha ricevuto il premio alla carriera dalla Hollywood Foreign Press Association, che riunisce i giornalisti internazionali che si occupano di cinema e tv, durante la cerimonia dei Golden Globe 2017 a Los Angeles. Prima ha tessuto le lodi della diversità etnica e nazionale di Hollywood - per esempio ricordando che Ryan Gosling "come tutte le persone migliori è canadese", che Natalie Portman è nata a Gerusalemme e Amy Adams a Vicenza - ricordando che se si dovessero buttare fuori gli outsider, agli americani "non resterebbe che guardare il football". "La violenza incita la violenza" ha detto, tra le altre cose, la Streep.

Nel suo discorso sottolinea l'importanza dei modelli e di quanto chi rivesta un ruolo di potere possa imporre uno stile che a cascata si diffonde fra tutti, rendendo plausibili e accettabili socialmente anche comportamenti discriminatori, violenti, razzisti: perché se detti da un leader diventano in poco tempo "normali". "Ancora una volta un caso di media molto disonesti!". "Tutti noi in questa sala apparteniamo ai settori più vilipesi, gli stranieri e la stampa". E' una sostenitrice di Hillary che ha perso di brutto.

Nonostante l'attrice non abbia nominato Trump direttamente, tutti hanno identificato l'episodio con il comizio in cui l'allora candidato repubblicano si dimenò per imitare Serge Kovaleski, un giornalista del New York Times con una malformazione congenita delle articolazioni che aveva scritto un articolo su di lui.

"Mi ha spezzato il cuore quando l'ho visto, e non riesco a togliermelo dalla testa perché non era in un film, era la vita vera", ha detto Meryl Streep. "La mancanza di rispetto porta altra mancanza di rispetto e la violenza invita alla violenza".

Meryl Streep, una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood, non mi conosce personalmente, eppure mi ha attaccato la notte scorsa ai Golden Globes. Poi, senza fare il nome di Trump, ha parlato di quando il magnate newyorchese prese in girò ed imitò un giornalista disabile.

Altre Notizie