Venerdì, 18 Agosto, 2017

Krabi. Due altoatesini arrestati per vilipendio alla bandiera

Krabi. Due altoatesini arrestati per vilipendio alla bandiera Krabi. Due altoatesini arrestati per vilipendio alla bandiera
Evandro Fare | 12 Gennaio, 2017, 09:14

L'ambasciata italiana a Bangkok ha spiegato che nei prossimi giorni, come previsto dall'iter di espulsione, i due saranno consegnati alla polizia dell'Immigrazione e trasferiti nella capitale, dove rimarranno in cella fino al momento del rimpatrio. Già domani il giudice dovrebbe pronunciarsi sulla vicenda.

"Al servizio di quella bandiera, vilipesa nelle parole dei due giovani, sono morti Giovanni Falcone e Paolo Borsellino". I due sono stati costretti a scusarsi in un video. E' successo a Krabi, celebre località turistica. "Eravamo davvero ubriachi, amiamo i thailandesi e la loro cultura". Aggiungono (anche se in realtà parla solo uno dei due ragazzi): "Eravamo molto, molto ubriachi. Amiamo il popolo thailandese, ci piace tutto, ma non conosciamo la legge". "Vogliamo chiedere scusa". Scuse non accettate in rete, visto che il video ha avuto 170 mila visualizzazioni, oltre duemila commenti e tutti molto offensivi, non disponibili al perdono. Lo hanno riferito all'ANSA fonti diplomatiche. Uno dei ragazzi ne strappa una, l'altro lo imita e le getta a terra tutte. La strada è buia e deserta e pensano che nessuno li stia vedendo. Le telecamere di sorveglianza immortalano il loro gesto, il video viene postato su Facebook da un utente, Anake Saranath, ed è allora che la polizia rintraccia i due italiani e li ferma. Rispondendo a un cronista, che gli chiedeva se il gesto dei ragazzi in Thailandia sia da porre in relazione con la propaganda contro il tricolore attuata dai separatisti come ad esempio Eva Klotz, il governatore ha risposto: "Un conto sono gli obiettivi politici che ognuno può avere, un conto sono i mezzi usati per perseguirli". Rischiano una multa di un centinaio di euro ma soprattutto la galera fino a 2 anni. Va detto che Ian, nella sua pagina Facebook, prima di essere arrestato, aveva raccontato un episodio accaduto a Krabi, forse all'origine della loro rabbia. Tobias Gamper e Ian Gerstgrasser sono stati processati stamani e condannati ad una pena pecuniaria.

Altre Notizie