Domenica, 24 Settembre, 2017

Sospetta meningite, l'ultimo messaggio di Vittorio: "Mai stato così male"

Sosteneo Paonessa | 11 Gennaio, 2017, 11:11

Milano, 9 gen. (AdnKronos Salute) - Gli esami molecolari hanno confermato che il 25enne del torinese morto ieri sera alle Molinette di Torino, dove era stato ricoverato per febbre altissima, era affetto da meningite meningococcica. Nel caso di una conferma, infatti, dovrà essere tutto pronto per far partire la profilassi nei confronti di tutti coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con il giovane. Era stato trasportato in pronto soccorso dall'elicottero del 118. Da sabato accusava una forte febbre e il timore che si è subito diffuso è che si possa trattare di un caso di meningite. Le indagini microbiologiche hanno evidenziato una meningite da pneumococco il cui trattamento antibiotico ha portato un netto miglioramento delle condizioni dell'uomo. Cardiopatico e con un edema polmonare, il suo quadro clinico era già molto preoccupante. Un dolore che accomuna diversi centri del Canavese.Non solo Valperga, dove il ragazzo abitava con i genitori, ma anche Cuorgnè, dove i Bonetto sono molto conosciuti per via dell'attività commerciale svolta a lungo nella città delle due torri. "La bambina - rende noto la Asl Bat - era ospite con la madre di una comunità religiosa di Trani".

Come da prassi i famigliari del ragazzo di Valperga, così come i sanitari che lo hanno soccorso (purtroppo inutilmente) nella giornata di domenica, sono stati sottoposti alla profilassi del caso. Sono in corso accertamenti epidemiologici per capire gli spostamenti della bambina e di sua madre. Naturalmente continua a essere garantita la vaccinazione di tutti i soggetti a elevato rischio per patologia, mentre verrà regolata con prenotazione la vaccinazione a prezzo di costo a chi ne facesse richiesta in tutti gli altri casi.

Altre Notizie