Venerdì, 24 Novembre, 2017

Attacco al London Bidge, gli attentatori volevano usare un camion

Il furgone bianco sul London Bridge Attacco al London Bridge, mistero sui coltelli usati
Evandro Fare | 10 Giugno, 2017, 20:01

Poteva essere una strage ancora più feroce.

La sera del 3 giugno scorso, una settimana fa, i tre terroristi autori dell'attentato a London Bridge avevano tentato di noleggiare un camion da 7,5 tonnellate simile a quello utilizzato il 14 luglio 2016 per la strage di Nizza.

Nell'attentato sono morte otto persone, prima che i terroristi Khuram Shazad Butt, Rachid Redouane e Youssef Zaghba venissero uccisi dalla polizia.

Della vicenda si parla su alcuni giornali inglesi tra cui il Mirror e Independent e tutti riportano le dichiarazioni dei poliziotti inglesi: "Stiamo ancora cercando di scoprire in quale negozio della Gran Bretagna abbiano rimediato coltelli così fuori dal comune", ha detto il comandante Dean Haydon, capo dell'Antiterrorismo della Metropolitan Police. Se il piano iniziale fosse andato a buon fine, è stato spiegato,"l'effetto sarebbe stato ancora peggiore".

Altre due persone sono state arrestate stamane in blitz compiuti dalla polizia nell'est di Londra nell'ambito delle indagini sull'attentato a London Bridge.

IL MATERIALE - La polizia ha fornito anche nuovi dettagli sul materiale trovato agli attentatori che, a quanto emerge dalle indagini, avevano affittato un appartamento a Barking da usare come rifugio.

Gli investigatori ritengono anche di aver trovato l'alloggio dove gli attentatori hanno preparato l'attacco.

Intanto, nella notte di sabato 10 giugno, la polizia britannica ha arrestato a Ilford, est di Londra, altri 2 uomini, di 27 e 28 anni, ritenuti vicini al commando degli attentatori e sospettati di pianificare altri atti terroristici. Sale così a 7 il numero delle persone in carcere.

Altre Notizie