Martedì, 27 Giugno, 2017

Attivo il numero verde del Ministero della salute sui vaccini

Attivo il numero verde del Ministero della salute sui vaccini Attivo il numero verde del Ministero della salute sui vaccini
Moreno Priola | 19 Giugno, 2017, 05:35

L'argomento "vaccini" è sicuramente uno dei più caldi in questi giorni. "La prima chiamata è arrivata già tre secondi dopo l'attivazione del numero- ha spiegato Ranieri Guerra, direttore generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute - hanno una durata media di 15-20 minuti segno che la gente chiama per avere un'informazione molto dettagliata". Abbiamo 10 postazioni che non si sono fermate un attimo, siamo già a circa 300 chiamate. "Credo che non ci siano grandi criticità, il personale è formato e in grado di rispondere ottimamente".

"Le Società firmatarie del Calendario per la Vita (composto da 4 società scientifiche, SItI-Fimp-Sip-Fimmg), riunite a Bari nell'ambito di un convegno sul nuovo piano di prevenzione, esprimendo apprezzamento per la disponibilità manifestata dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin ad apportare miglioramenti al decreto sull'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'accesso a scuola nella sua fase di conversione parlamentare a Legge, hanno presentato le più recenti evidenze scientifiche sull'efficacia della vaccinazione anti-pneumococcica coniugata nel ridurre l'impatto della patologia provocata da questo microrganismo" viene diffuso in una nota. "Tutti vogliono ricevere informazioni e questo e' il motivo per il quale abbiamo aperto questo numero verde", ha detto Lorenzin conversando con i giornalisti nella Sala dove e' stato collocato questo Centro di informazioni e dove una decina di operatori sanitari rispondono alle domande sui vaccini dal lunedi' al venerdi' dalle 10 alle 16. E che il numero rimarrà attivo "fino a quando sarà necessario e ci sarà una richiesta di informazioni così forte".

"La circolare vaccini ribadisce che l'obiettivo del decreto vaccini 2017 è di rendere obbligatorie le vaccinazioni nei confronti di malattie a rischio epidemico, al fine di raggiungere e mantenere la soglia di copertura vaccinale del 95%, come raccomandato dall'Organizzazione Mondale della Sanità per garantire la l'immunità di gregge". Se, una volta conclusi gli accertamenti, l'Asl conclude che un minore tra zero e 16 anni non è stato vaccinato secondo il calendario specifico, partono i vari step che iniziano dalla comunicazione alla famiglia, sino all'applicazione della sanzione da 500 euro a 7.500 euro, nonché alla segnalazione al Tribunale per i minorenni come ultimo passaggio.

Mentre i nati da quest'anno in poi dovranno fare tutte le vaccinazioni, per quelli nati dal 2001 le vaccinazioni aggiuntive rispetto alle quattro obbligatorie variano in base all'età: i nati dal 2001 al 2011 dovranno farne altre cinque, quelli dal 2012 al 2016 altre sei (sempre che alcune non obbligatorie ma raccomandate in passato siano già state fatte). Per quanto riguarda l'anno scolastico 2017-2018 la documentazione sulle vaccinazioni dovrà essere presentata entro il 10 settembre.

Fino al 18 giugno sono obbligatorie 4 vaccinazioni.

Le 12 vaccinazioni devono essere obbligatoriamente somministrate ai nati dal 2017.

Altre Notizie