Sabato, 24 Giugno, 2017

Auto: 24 Ore Le Mans, vince Porsche n.2

24 ore Le Mans Eurosport, tutta la 24 ore di Le Mans con Tom Kristensen
Iona Trifiletti | 19 Giugno, 2017, 06:52

Aspettati l'inaspettato. Non è finita finchè non è finita.

Per Toyota si è trattato nuovamente di una maledizione che ha colpito tutte e 3 le auto portate in gara dal costruttore giapponese. Nella LMP2 sono le auto con telaio Oreca ad occupare i primi 6 posti, con la numero 31 del team guidata da Prost-Canal-Senna in testa, mentre la prima delle Dallara è la numero 27 del team SMP Racing guidata da Alehin-Shaytar-Sirotkin. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

L'ottantacinquesima edizione della 24 Ore di Le Mans va alla Porsche 919 Hybrid di Bernhard-Hartley-Bamber. Doveroso ricordare anche che Le Mans è stata teatro di una tragedia immensa risalente all'edizione del 1955 dove persero la vita 88 persone del pubblico a causa di un incidente di una vettura che rimbalzò oltre le transenne causando la morte tremenda di ignari spettatori intenti a seguire la corsa che non si accorsero minimamente del tremendo incidente che durò poco meno di 5 secondi. La vettura numero 7 è stata costretta al ritiro per problemi alla frizione.

A fine gara, il suo racconto è cominciato proprio da qui: "La macchina andava bene, poi improvvisamente in frenata ho sentito qualcosa che non andava sul motore elettrico anteriore". Il signor destino però ci ha nuovamente messo lo zampino. Ma è la 919 #2 con Bernhard-Bamber-Hartley a prendersi la vittoria. La Porsche numero 2 era attesa da una difficile rimonta, capace di tenere con il fiato sospeso tutti i presenti sul tracciato e coloro che hanno seguito la corsa in televisione. Ora in testa ci sono tre LMP2 in testa alla corsa con la Porsche numero 2 a 9 giri facendo profilare una situazione simile al 1995 quando una McLaren F1 riuscì a battere i prototipi.

In GTEPro battaglia all'ultima curva tra Corvette e Aston Martin: la spunta la Vantage di Turner, Adam e Serra, che salgono sul primo gradino del podio di categoria.

Abbiamo visto già diverse volte come sul giro secco le supercar elettriche siano decisamente competitive, come nel caso della NIO EP9 al Nürburgring che ha stracciato diversi precedenti record, ma i problemi restano l'autonomia e i tempi di ricarica della batteria al litio.

Altre Notizie