Lunedi, 20 Novembre, 2017

Cosa succede se Trump esce dall'accordo sul clima. Guida in 3 link

Trump tirato per la giacca su accordo clima Parigi Media Usa,«Trump ha deciso, Stati Uniti fuori da accordi sul clima di Parigi»
Quartilla Lauricella | 01 Giugno, 2017, 14:40

"Annuncerò la mia decisione sull'accordo di Parigi giovedì alle 3.00 pm (ore 21 italiane). MAKE AMERICA GREAT AGAIN" è il tweet del presidente americano Donald Trump che lascia il destino del clima sulla Terra in stand by. Da più parti si invita comunque ad un briciolo di cautela - il presidente può cambiare idea fino all'ultimo momento, è accaduto sul Nafta e potrebbe accadere con il Ttip - ma se la strada fosse davvero segnata, la svolta sarebbe epocale. Bill De Blasio, sindaco di New York, nel frattempo sfida Trump e garantisce che la sua città rispetterà il patto di Parigi anche se si deciderà per l'uscita degli Stati Uniti dall'intesa.

Una scheda sintetica sulla Stampa di Torino.

Il 9 maggio Obama difendeva la sua eredità del cambiamento climatico, chiamando l'accordo "quello che definirà i contorni di questo secolo in modo più drammatico di qualsiasi altro". Secondo il New York Times l'accordo di Parigi potrebbe anche essere votato in Senato per la ratifica, che richiederebbe i due terzi dei voti.

Il presidente era finito nel mirino dopo che i media avevano anticipato la sua intenzione di concludere la partecipazione statunitense all'accordo sui tagli alle emissioni inquinanti. Le speculazioni sulla decisione di abbandonare si rincorrono da ore sulla stampa Usa e rimbalzano anche in Europa e a Pechino, dove una decisione per l'abbandono degli Stati Uniti creerebbe in ogni caso qualche contraccolpo. A livello interno la decisione di Trump troverebbe consensi da parte di Steve Bannon e Scott Pruitt, capo dell'Epa.

Rimane ancora da stabilire- sempre secondo le rivelazioni di Axios - se gli Stati Uniti di TRUMP avvieranno un pieno, formale ritiro dall'accordo firmato nel dicembre del 2015 da Barack Obama, un processo che avrebbe bisogno di tre anni per essere completato.

La decisione di Trump soddisfa un'altra promessa fatta in campagna elettorale ai suoi sostenitori, ampiamente sostenuta dai colleghi repubblicani del Congresso che ritenevano che il trattato avesse ingiustamente compromesso l'economia americana. Come è noto infatti nella Casa Bianca divisa per la questione del clima, Ivanka guida il fronte di chi invece ritiene molto pericoloso e controproducente uscire dall'accordo di Parigi. Della stessa opinione il segretario di Stato, Rex Tillerson, ex Ceo della Exxon.

Già al G7 di Taormina, Trump si era rifiutato di impegnarsi per il rispetto dell'accordo siglato dal suo predecessore.

Altre Notizie