Giovedi, 19 Ottobre, 2017

Dimentica la moglie a Moncalvo e se ne accorge dopo quaranta chilometri

Il motociclista è andato dai carabinieri convinto di aver perso per strada la moglie Il motociclista è andato dai carabinieri convinto di aver perso per strada la moglie
Sosteneo Paonessa | 19 Giugno, 2017, 17:28

"Ho perso mia moglie, deve essere caduta dalla moto mentre viaggiavamo".

La donna dunque non era caduta ma è stata "dimenticata". Arrivato a Chieri, in piazza Europa, l'uomo si è reso conto all'improvviso di essere solo. E allarmato ha chiamato il 112. Il sessantenne è parso molto preoccupato. I carabinieri hanno ricostruito con il motociclista il tragitto appena fatto per coordinare le ricerche ma la vicenda si è fortunatamente risolta prima ancora che i militari iniziassero a cercare la sfortunata signora. Ieri un motociclista torinese di 59 anni si è "dimenticato" la moglie a Moncalvo (dove era in programma la Festa delle Cucine Monferrine: chissà, forse la coppia vi aveva partecipato) per poi accorgersi dell'assenza della consorte ben quaranta chilometri dopo a Chieri. La donna, sconcertata, era rimasta a piedi nel piccolo paese, senza effetti personali e senza telefono. A rassicurare il marito in lacrime, disperato per le sorti della 58enne che aveva lasciato il cellulare nel bauletto della due ruote, è stata la stessa donna, che si è fatta prestare il cellulare da un passante. Anche se, spiegano i carabinieri, la disavventura si sarebbe conclusa con una risata.

Altre Notizie