Sabato, 16 Dicembre, 2017

Eboli, demoliscono la sua casa: 64enne stroncato da un infarto

Eboli, demoliscono la sua casa: 64enne stroncato da un infarto Abusivismo: muore mentre gli abbattono la casa
Evandro Fare | 19 Giugno, 2017, 17:39

Ma la tragedia, accelera la sua decisione. Finisce così la sua battaglia per approvare una moratoria agli abbattimenti delle case abusive.

E' morto d'infarto mentre gli demoliscono la casa, la tragedia di sabato scorso avvenuta a Eboli ha visto protagonista il 64enne Salvatore Garofalo aveva 64 anni, che da anni viveva a Campolongo, in una zona dove ci sono 12 case abusive. Dalla politica sorda alle esigenze dei più deboli io mi allontano.

Più dura la poisizione del senatore di Ala Ciro Falanga.

L'avvocato Cardiello parla di umiliazione da parte dello Stato.

Il dolore, spiegano i famigliari imbufaliti per la vicenda, "Vedere anni di sacrifici distrutti da una burocrazia ottusa e formale gli ha provocato un dolore immenso".

Il testo in discussione introdurrebbe dei distinguo tra l'abusivismo tout court e il cosiddetto "abusivismo per necessità", vale a dire costruzioni prive di licenza ma che sono la prima casa delle famiglie che vi abitano.

Il pensionato, originario di Poggiomarino, viveva con un sussidio statale dopo il trapianto di un rene. Erano appena iniziate le operazioni di recinzione del cantiere quando l'uomo ha accusato un malore: è stato stroncato da un infarto. Salvatore Garofalo però non ha resisto al dolore per una casa costruita con i suoi sacrifici (anche se comunque abusivamente, questo rimane un problema): "Se si fosse attesa l'approvazione del ddl Falanga, ormai in dirittura d'arrivo - aggiunge l'avvocato - la casa di Garofalo sarebbe finita in coda in quanto abitata". Attualmente il testo, osteggiato dagli ambientalisti, è all'esame della Commissione Giustizia della Camera che ne comincerà l'esame giovedì prossimo dopo una serie di passaggi tra i due rami del Parlamento.

Altre Notizie