Giovedi, 19 Ottobre, 2017

Gratteri fa arrestare un iracheno. Sospetta che sia un terrorista

Crotone: Terrorismo e vicinanza all'ISIS nel centro Sprar, arrestato un iracheno ospite della struttura Terrorismo, arrestato a Crotone richiedente asilo iracheno
Sosteneo Paonessa | 19 Giugno, 2017, 14:02

L'uomo, secondo le indagini, avrebbe fatto propaganda per l'Isis istigando alcuni inquilini del centro Sprar di Crotone a entrare a far parte del sedicente Stato islamico e a compiere atti violenti.

Gli agenti della Digos di Crotone hanno scoperto che l'uomo aveva esultato in occasione dei fatti di sangue di Manchester, e aveva iniziato a fare proselitismo, mostrando di essere a conoscenza di informazioni particolareggiate e fornendo materiali riguardo lo Stato Islamico.

L'Iracheno, considerato dagli investigatori persona violenta, è accusato di associazione con finalità di terrorismo internazionale e istigazione a delinquere. I dettagli dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma nella sede della Dda di Catanzaro alle 10. "Si può anche rimanere in Italia per redimere gli infedeli, ai quali va tagliata la gola".

"È un'indagine importante e delicata, alla luce di quanto accade in Europa", ha detto il procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri che insieme al procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri e il sostituto Paolo Petrolo ha emesso velocemente richiesta di custodia cautelare nei confronti del 29enne.

Un 29enne di origini irachene è stato arrestato a Crotone. Sempre alla sorella l'uomo arrestato per terrorismo aveva rivelato che, nonostante qualcuno lo avesse incitato a tornare nel suo Paese e a prendere parte all'Isis, lui aveva preferito restare in Italia, spinto anche dalla condivisione dei principi della jihad, al fine di "redimere gli infedeli".

Altre Notizie