Martedì, 27 Giugno, 2017

La figlia di Riina chiede il bonus bebè. Il Comune lo nega

La figlia di Riina chiede il bonus bebè. Il comune dice Il giorno del matrimonio di Lucia Riina
Evandro Fare | 19 Giugno, 2017, 10:47

La più piccola dei quattro fratelli Riina aveva avanzato istanza al Comune (sciolto qualche mese fa per infiltrazioni mafiose) per ottenere l'assegno (una tantum) di mille euro dato dalla Regione Siciliana, a chi nell'isola mette al mondo un figlio e ha un reddito al limite dell'indigenza. In via ufficiale, sottolinea La Repubblica, a spingere i Commissari verso il rifiuto sarebbe in realtà l'incompletezza della domanda presentata.

Tra gli italiani poveri in corsa per il bonus bebé c'era anche Lucia Riina, la figlia del boss Salvatore in carcere dal 1993 per il quale la Cassazione ha recentemente stabilito il "diritto alla morte dignitosa", scatenando un fiume di polemiche. Lucia rivendica la normalità che ha conseguito con il marito: dice di esser riuscita a dare forma e concretezza al suo sogno di bambina, disegnare, e a quello di avere un lavoro onesto, dignitoso, positivo, ed espressivo-creativo. In un'occasione in particolare, il boss di Cosa Nostra avrebbe fatto intendere di essere molto ricco in un incontro con Alberto Lo Russo, boss della Sacra Corona Unita. Io ho delle proprietà, queste proprietà metà sono divise ogni mese, ogni mese ci vanno... perché? "Corrisponde alla mia identità, siamo tutti figli di qualcuno e non bisogna restare nel passato ma andare avanti".

Altre Notizie