Domenica, 17 Dicembre, 2017

Omicidio a San Tedoro, il compagno della 28enne uccisa indagato per omicidio

Erika Preti e Dimitri Fricano Erika Preti e Dimitri Fricano i protagonisti della vicenda
Sosteneo Paonessa | 13 Giugno, 2017, 15:38

Svolta nell'inchiesta sull'omicidio di Erika Preti, la turista biellese di 28 anni accoltellata a morte ieri mattina in una villetta di Lu Fraili, frazione di San Teodoro. Ferito anche il compagno, anche lui di Biella, che si trova ricoverato all'ospedale di Olbia con ferite d'arma da taglio.

Il delitto ieri verso le dieci del mattino di ieri, domenica 11 giugno. L'uomo avrebbe raccontato ai militari di essere stato vittima di una rapina, degenerata in omicidio. Fricano ha ribadito di aver subito un'aggressione, ma non riesce a specificare da parte di quante persone. Interrogato nella serata di ieri dal procuratore di Nuoro, Andrea Garau e dai carabinieri di Siniscola, guidati dal comandante Andrea Leacche, il giovane ha parlato di un aggressione avvenuta all'interno dell'appartamento di Lu Fraili, ribadendo quanto affermato nelle concitate fasi successive al delitto, mentre veniva soccorso e trasportato in ospedale. Nell'auto della coppia erano già stati caricati gli zaini. Ai carabinieri hanno dichiarato che Erika e Dimitri andavano d'accordo, in tre anni di frequentazione non hanno mai assistito a dissidi fra i due che stavano assieme da circa 10 anni. L'arma è stata trovata: si tratta di un coltello da cucina.

Poche al momento le informazioni su Dimitri Fricano, che in passato aveva tirato di boxe. "Si volevano molto bene", dice l'uomo che li stava ospitando. La sua famiglia è di origini siciliane e attualmente vive nel quartiere Vandorno, a Biella. Intanto i genitori della vittima sono partiti per San Teodoro. Il negozio in cui Erika lavorava ha chiuso nel primo pomeriggio: le commesse che la conoscevano, quando hanno saputo cosa le era accaduto, sono rimaste senza parole per lo sgomento.

Altre Notizie