Lunedi, 15 Ottobre, 2018

Russia: Al Baghdadi ucciso da nostro raid a fine maggio

20170616_092443_4D4F673B Russia: Al Baghdadi ucciso da nostro raid a fine maggio
Evandro Fare | 16 Giugno, 2017, 19:41

Vediamo allora chi è Abu Bakr al-Baghdadi e perché la sua figura è così, tristemente, famosa e importante nella lotta che l'Occidente ha da tempo intrapreso su più fronti contro l'Isis. Il quale secondo il ministero della Difesa russo sarebbe stato ucciso in un raid nei pressi di Raqqa lo scorso 28 maggio: lo stesso ministero però, secondo la tv ufficiale Zvezda, utilizza la formula "secondo le informazioni che si stanno verificando attraverso diversi canali".

A confermarlo il Ministero della difesa russo.

Sono in corso indagini che potrebbero rivelarne la conferma, ma la notizia sembra ormai quasi certa. Tutti gli esempi di azioni simili per l'eliminazione di un leader dei gruppi terroristici sono sempre stati presentati con parecchio entusiasmo, ma poi, lo si sa per esperienza, queste strutture hanno ripristinato la loro capacità combattiva. Il raid - spiega il dicastero - è avvenuto dopo che i russi avevano avuto conferma dai droni del luogo in cui avveniva il vertice. La notizia, che non può ancora essere confermata ufficialmente, fa il giro del mondo nella mattinata di venerdì 16 giugno. "Non possiamo confermare la notizia al momento", ha detto il colonnello Ryan S. Dillon. Al Baghdadi è stato veramente ucciso in un raid?

Secondo Business Insider, l'arresto risale certamente al 2004, come mostra la scheda di identificazione data al giornale dall'Army Corrections Command statunitense, la struttura che si occupa di amministrazione penitenziaria militare, anche all'estero. Su quando al-Baghdadi venne liberato le ipotesi sono contrastanti: alcune parlano del 2005, altre del 2009, quando l'attività del penitenziario sarebbe finita.

Altre Notizie