Venerdì, 18 Agosto, 2017

Vecchi telefoni o programmi operativi? Dal 30 giugno WhatsApp non funzionerà

Whatsapp a rischio dal 30 giugno via dai vecchi telefoni WhatsApp per BlackBerry 10, supporto esteso fino a fine 2017 ?
Bortolo Musarra | 19 Giugno, 2017, 15:08

L'azienda ha infatti comunicato che entro la fine del mese in corso (quindi entro il 30 giugno 2017) molti dispositivi "vecchi" non potranno più usufruire dei servizi di #Whatsapp in quanto definiti troppo obsoleti e poco aggiornati per poter supportare l'applicazione stessa.

Addio WhatsApp su milioni di telefonini per un aggiornamento. Speranze, invece, per gli utenti degli smartphone BlackBerry BBOS e BB10: come annunciato in un'intervista a Whatsappen.nl dal co-fondatore di Whatsapp Brayan Ekton, per loro Whatsapp sarà esteso per altri sei mesi.

Come già accaduto in passato per parecchi dispositivi, quali Blackberry e Nokia, che utilizzavano un sistema operativo proprio, l'applicazione di messaggistica istantanea sarà nuovamente eliminata da altri #smartphone.

Inoltre l'App sarà fuori uso in tutti gli smartphone con Android Gingerbread 2.3, ai device mobili Windows 7 e agli iPhone con iOS 6. "Quando avrai uno di questi dispositivi sarà sufficiente installare WhatsApp e verificare il proprio numero di telefono sul nuovo dispositivo", fa sapere il Team Assistenza dell'app, ricordando anche che "WhatsApp può essere attivata solo con un numero di telefono e su un solo dispositivo alla volta".

Il dettaglio non trascurabile relativo ai tempi per WhatsApp bloccato o sospeso si riferisce ad un Nokia S40 prima annoverato tra i vecchi smartphone per i quali l'applicazione di messaggistica non sarebbe stata più utilizzabile dalla fine di questo 2017. Per salvare i dati importanti, l'unica soluzione è inviare le vecchie chat via mail o traferirle direttamente su una nuova piattaforma. Il motivo per cui la app non funzionerà più per questi device è semplice: i dispositivi con le vecchie piattaforme software Nokia non permetterebbero agli utenti di sfruttare in pieno le potenzialità di WhatsApp, per cui è stato necessario prendere questa drastica decisione.

Altre Notizie