Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Zaia: il Veneto non è contro vaccini

Vaccini news Zaia fa ricorso contro il decreto e Maroni lo appoggia ‘La Lombardia sostiene il Veneto Vaccini, Scattolin (Pd): «Zaia irresponsabile»
Moreno Priola | 18 Giugno, 2017, 20:42

E anche in Emilia-Romagna...

"Curiosa di sapere le motivazioni ma sembra un posizione politica" ha commentato così Saccardi sul ricorso presentato dalla Regione Veneto contro decreto vaccini.

La giunta regionale del Veneto ha dato mandato all'Avvocatura di impugnare davanti alla Corte Costituzionale il decreto del Governo che introduce l'obbligo vaccinale prevedendo pesanti sanzioni per i trasgressori. Le multe, per di più, sono sperequative, dicendo in pratica che chi ha 7500 euro da spendere può rifiutare il vaccino e chi non li ha no. La nostra preoccupazione è che l'effetto della coercizione crei un abbandono più che fisiologico della vaccinazione. "E' pur vero - ha aggiunto - che siamo l'unica regione in Italia a non avere l'obbligo vaccinale. E non agiamo certo per soldi, ma per una questione di principio".

La direzione dell'area Sanità e Sociale della Regione Veneto precisa che al momento non è stato avviato alcun acquisto di 750 mila dosi di vaccini, né che attualmente sia in programma la vaccinazione di 100 mila bambini e ragazzi. Accodarsi a polemiche prive di fondamento medico-scientifico, da parte del governatore Zaia e dell'assessore regionale alla sanità Coletto, vuol dire cavalcare sentimenti molto pericolosi magari per ragioni di bottega elettorale.

Intanto in Emilia Romagna slitta ancora la decisione del Tar sui ricorsi presentati da una trentina di famiglie e dal Codacons contrari all'applicazione della legge regionale sull'obbligatorietà dei vaccini per le iscrizioni al nido. Abbiamo avuto un'ulteriore conferma che la strada delle vaccinazioni obbligatorie, che per primi abbiamo imboccato a livello nazionale, è quella giusta. Il tribunale amministrativo, secondo quanto riferisce la Regione, ha rinviato al 17 ottobre il pronunciamento, senza sospendere la normativa impugnata.

Come abbiamo già anticipato in precedenti articoli la vaccinazione dei bambini diventa obbligatoria per l'iscrizione alla scuola dell'infanzia e agli asili nido, a partire dal 10 settembre 2017.

Altre Notizie