Domenica, 18 Novembre, 2018

Edilizia scolastica, Fedeli: 'Nel 2017 stanziati 2,6 miliardi per 10 azioni'

Edilizia scolastica Nel 2017 stanziati 2,6 miliardi M. Riccardi
Evandro Fare | 20 Luglio, 2017, 17:51

Altri 780 cantieri chiuderanno entro il 2017. Le scuole progettate sono 303, 209 sono già state completate e disponibili per essere aperte in modo abbastanza ampio sul territorio italiano, da Brescia ad Avellino, da Lodi a Sassari, da Lucca a l'Aquila, per dare plasticamente idea del lavoro fatto.

"Dal 2014, durante i #MilleGiorni, sono state investite più risorse sull'edilizia scolastica che negli ultimi 20 anni": lo ha detto Maria Elena Boschi nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi. Nello specifico: 26,4 milioni destinati agli interventi di adeguamento sismico degli edifici scolastici (20 luglio firma decreto); 10 milioni per il ripristino delle funzionalità delle scuole nelle aree colpite dal sisma (28 luglio firma del decreto); 20 milioni per 8 nuove scuole da realizzare con modalità di finanziamento e costruzione innovative. Senza dimenticare le diagnosi di rischio nelle scuole in zona 1 e 2: saranno finanziate con 100 milioni. Da qui alla fine dell'anno si aggiungeranno 780 cantieri. Così la Sossegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi aprendo l'incontro.

La ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, ha annunciato per l'edilizia scolastica che nei prossimi venti giorni arriveranno altri 2,6 miliardi per dieci azioni fra cui ci sono la nuova programmazione degli interventi 2018-2020 per 1,7 miliardi, le risorse per l'antisismica e per la costruzione di nuove scuole.

"La messa in sicurezza delle scuole è prioritaria, perché la scuola rappresenta uno dei pilastri della formazione delle nuove generazioni, e quindi del futuro del Paese. Un intervento di cura necessario che ha consentito finalmente il liberarsi di risorse che hanno permesso anche il riattivarsi delle economie locali e di un settore, quale quello dell'edilizia, che ancora stenta a riprendersi dalla crisi". Un impegno concreto, promosso e rilanciato con decisione anche dall'attuale Esecutivo, di cui oggi possiamo cominciare a raccogliere i primi risultati concreti. Riportiamo i commenti delle istituzioni e i proncipali dati diffusi attraverso le slides sulla edilizia scolastica diffusi dal Governo. Uno strumento di grande utilità per cittadini ed Amministratori, che risponde al principio di trasparenza e partecipazione. Ma scuole che siano anche efficienti dal punto di vista energetico, e belle.

La sicurezza a scuola è un diritto e come tale va rispettato.

Altre Notizie