Venerdì, 24 Novembre, 2017

Banca d'Italia: le banche "soffrono" di meno e ora concedono più prestiti

Banche: calano le sofferenze, Abi fiduciosa Banca d'Italia: le banche "soffrono" di meno e ora concedono più prestiti
Quartilla Lauricella | 12 Settembre, 2017, 23:23

In una giornata che non presenta particolari dati macro, a offrire sostegno al comparto sono gli ultimi dati diffusi dalla Banca d'Italia relativamente all'andamento del credito in luglio. In generale, i prestiti delle banche al settore privato sono cresciuti dell'1,5% su base annua (1,2% in giugno). Le sofferenze sono diminuite del 5,1 per cento su base annua (erano cresciute del 4,4 per cento nel mese precedente); quando si corregge per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari le sofferenze risultano cresciute del 10,3 per cento (come nel mese precedente). Il credito alle famiglie è salito del 2,7% (+2,6% il mese precedente) quello alle imprese non finanziarie dello 0,5%.Quanto ai tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie, per l'acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,45% (2,47% nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all'8,49%.

SOFFERENZE LORDE AI MINIMI DAL LUGLIO 2014 - Nel dettaglio, le sofferenze lorde sono calate a 173,59 miliardi di euro, il minimo dal luglio 2014, rispetto ai 192 miliardi di giugno, mentre le sofferenze nette sono scese a 65,843 miliardi dai 71,237 del mese precedente. Più salati i nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro, con tasso medio al 2,14 per cento. Infine, i tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,39%.

Altre Notizie