Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Corea del Nord, aerei USA simulano bombardamenti e inviano portaerei

Seul: “Corea del Nord vicina alla fase finale dello sviluppo di un nuovo missile” Crisi in Corea del Nord. Jet Usa in volo per un bombardamento simulato
Quartilla Lauricella | 21 Settembre, 2017, 09:21

Quattro jet americani F-35B invisibili e 2 bombardieri strategici B-1B hanno simulato un bombardamento strategico nei cieli sudcoreani, come monito alla Corea del Nord. Ad affiancare gli aerei statunitensi, il governo di Seul ha inviato anche 4 aerei F-15K, dopo di che sono rientrati tutti nelle proprie basi di appartenenza in Giappone e a Guam. Si è trattato, secondo l'aeronautica sudcoreana, citata dall'agenzia Yonhap, di una dimostrazione della forza deterrente dell'alleanza.

Alcuni testimoni riportano di code interminabili alle pompe di benzina in Corea del Nord, dunque le sanzioni cominciano a dare i primi risultati.

Le esercitazioni congiunte, spiegano fonti cinesi, si svolgono tra la baia Pietro il Grande, proprio all'esterno del porto di Vladivostok, non lontano dal confine tra Russia e Corea del Nord, e la parte meridionale del mare di Okhotsk, a nord del Giappone. Anche quest'ultima iniziativa americana non servirà di certo ad allentare la tensione in quell'area del mondo, ma, oramai, si è innescata una serie di azioni e controazioni obbligate che potrebbe avere fine solo di fronte al pericolo di un conflitto nucleare alle porte di casa di potenze come Russia, Cina e Giappone. Sia la Cina che la Russia hanno più volte chiesto una soluzione pacifica della grave crisi. Lo ha reso noto un rapporto che il ministero della difesa sudcoreano ha presentato stamane al parlamento di Seoul.

Intanto Seul lancia l'allarme: la Corea del Nord è "vicina alla fase finale" di sviluppo di un missile balistico intercontinentale Icbm.

Il rapporto, inoltre, evidenzia come il regime comunista "continuerà a realizzare provocazioni strategiche aggiuntive", con nuovi lanci di missili balistici o anche il settimo test nucleare. La rappresentante permamente degli USA presso l'ONU Nikki Haley ha dichiarato che gli USA hanno esaurito le opzioni per risolvere il problema nordcoreano nell'ambito delle strutture dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

Altre Notizie