Lunedi, 16 Ottobre, 2017

Lo arrestano per maltrattamenti, 39enne senegalese si impicca in cella

Bologna. Trentenne si impicca in una cella di sicurezza della Questura Lo arrestano per maltrattamenti, 39enne senegalese si impicca in cella
Evandro Fare | 24 Settembre, 2017, 04:36

E' finito nel peggiore dei modi l'arresto di un senegalese di 39 anni, rinvenuto senza vita questa notte nelle camere di sicurezza della Questura di Bologna.

Sono in corso accertamenti sul suicidio. Poco dopo averlo messo in cella, in base alla versione della Questura, "gli operatori si sono accorti che l'uomo era in piedi, spalle alla grata, e non sembrava muoversi": inutili, dice sempre la Questura, i tentativi di rianimazione e l'arrivo del 118.

Era stato arrestato dalla polizia di Bologna perchè ritenuto responsabile di maltrattamenti nei confronti della sua famiglia.

Intanto la moglie italiana era nell'altra stanza a formalizzare la denuncia. Le forze dell'ordine erano state avvisate proprio dalla donna intorno alle ore 21. L'uomo ieri era stato arrestato per maltrattamenti ai danni della compagna e per resistenza a pubblico ufficiale, per aver reagito all'intervento degli agenti.

Il 39enne, irregolare e con precedenti specifici, è stato quindi collocato all'interno della cella di sicurezza nei locali di via IV Novembre, adottando -si legge in una nota- le "previste procedure di sicurezza al fine di evitare atti di autolesionismo". Il trentenne non era nuovo a comportamenti violenti verso la donna e c'era già stato almeno un altro intervento delle forze dell'ordine di recente. Ad assistere alla scena, il loro bambino di 2 anni.

Altre Notizie