Sabato, 23 Settembre, 2017

Macro Italia, il mercato del lavoro nel secondo trimestre 2017

LaPresse Istat, cala disoccupazione: tasso trimestre al 10,9%. +78mila occupati
Quartilla Lauricella | 12 Settembre, 2017, 12:35

Ma non è solo l'andamento dell'occupazione in crescita (+78 mila, +0,3% in termini congiunturali) a determinare uno scenario oggi migliore, anche dal lato della domanda si registrano situazioni più favorevoli. Le ore lavorate per dipendente aumentano dello 0,5% nell'industria e dello 0,4% nei servizi rispetto al trimestre precedente.

"Dopo tre trimestri di crescita", nel secondo trimestre del 2017 torna a diminuire il numero di disoccupati, la cui stima scende a 2 milioni 839 mila unità (-154 mila in un anno, -5,1%). Secondo i dati dell'istituto di statistica, rispetto al secondo trimestre del 2016, si stima una crescita di 153 mila occupati (+0,7%), che riguarda soltanto i dipendenti (+356 mila, +2,1%), oltre tre quarti dei quali a termine (+278 mila, +11,2%). Continuano così a diminure le transizioni da dipendente a termine a dipendente a tempo indeterminato (dal 24,3% al 16,5%) e a fronte della riduzione complessiva delle transizioni dalla disoccupazione all'occupazione (-3,1 punti), i flussi dai disoccupati verso i dipendenti a tempo determinato aumentano dello 0,9%. Il tasso di disoccupazione diminuisce di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,6 punti in confronto a un anno prima, con maggiore intensità per quello giovanile. Nei dati di luglio 2017 il tasso di disoccupazione era salito di 0,2 punti congiuntamente al calo di 0,3 punti del tasso di inattività 15-64 anni.

Il tasso di occupazione è cresciuto di 0,2 punti rispetto al trimestre precedente. La diminuzione degli inattivi riguarda soltanto le donne, soprattutto il Mezzogiorno, gli individui di 35-49 anni, e coinvolge quanti vogliono lavorare (le forze di lavoro potenziali). Infatti, spiega l'Istat, nel secondo trimestre 2017 le posizioni lavorative dipendenti, al netto degli effetti stagionali, registrano, nel totale delle imprese con dipendenti, un aumento dello 0,2% nell'industria e dell'1,5% nei servizi privati.

Cala leggermente la disoccupazione e crescono i lavoratori dipendenti, ma sono quasi tutti contratti a termine.

Altre Notizie