Mercoledì, 22 Novembre, 2017

MotoGP, GP Aragon: Rossi sarà sostituito da van der Mark

MotoGP Vinales e la Yamaha “Senza Valentino Rossi non sarà la stessa Misano” "Correre a Misano senza Valentino Rossi non sarà la stessa cosa"
Iona Trifiletti | 11 Settembre, 2017, 19:21

"Un po' tutti e due, tanto ho sentito che mi ero fatto male".

"Mi spiace moltissimo essere qui e non a Misano. Io il braccino non ce l'ho".

Era dal 1974 infatti che un pilota italiano su moto italiana non arrivava a una gara italiana in testa al Mondiale: Gianfranco Bonera con la Mv Agusta a Imola.

CRISI - Il primo a cedere è Casey, che all'improvviso comincia a perdere terreno, vittima di quello che all'inizio viene scambiato per un virus misterioso e che, dopo aver saltato persino tre gare, Repubblica Ceca, Indianapolis e San Marino, si scoprirà essere intolleranza al lattosio. Dunque qui siamo arrivati: al confronto con il Mito, alla candidatura a nuovo totem del ducatismo, insomma al fare la storia. "Speriamo anche che Valentino possa tornare presto". "I tempi però erano all'altezza di lottare per la vittoria" ha concluso. Per quanto riguarda Dovizioso, è ancora tutto da decidere, ma per come ha risposto Andrea a precisa domanda, diciamo che è poco probabile: il capo classifica del campionato, presumibilmente, partirà con la carenatura "tradizionale". La pressione va trasformata in azione, serve solo evitare degli zeri. Devo ringraziare tutti voi per l'affetto che mi avete mostrato in questi giorni. "In cucina non darò più una mano". Ma succede di rado. "Questo non è bello ma c'è anche un avversario in meno da battere", ha detto il pilota forlivese aprendo la conferenza stampa del giovedì, seduto a fianco di Marc Marquez e Maverick Vinales, i suoi più immediati inseguitori. Egoisticamente, potrei dire che così ho un nemico in meno. Non avrei accettato un'altra stagione da riserva, avrei dovuto pensare a me e ai miei obiettivi. Il pilota Ducati ha indicato Marquez, poi Vinales come capo meccanico e senza esitazioni Crutchlow nelle vesti di ombrellina, che ha ironicamente apprezzato la scelta del collega. Non essere a Misano è la cosa che mi dispiace di più oltre al campionato. "Qui non sono mai salito sul podio, ma i test ci hanno dato buoni riscontri e faremo di tutto stavolta per arrivarci".

A Sky la prima intervista di Valentino Rossi dopo l'incidente: "Quel giro in Enduro?" Il Dottore, a questo punto, tornerà probabilmente in pista a Motegi, dal 13 al 15 ottobre. Il riferimento è l'analogo incidente del 2010: "Rispetto ad allora sto molto meglio". L'altra volta sono tornato in pista dopo 40-41 giorni. "Per la gara del 24 settembre di Aragon sarà difficile, ma ci proviamo". "Ci proverò. Lavoro e vedremo". Quando ho preso lo scalino mi si è mosso il manubrio come se avessi preso un sasso, una cosa del genere.

"Noi siamo piloti di moto e per noi allenarci in moto è la cosa migliore. L'alternativa è solo la playstation, magari riesco a non farmi male.".

Altre Notizie