Venerdì, 24 Novembre, 2017

Chiellini: 12 anni bianconero

Chiellini 12 anni bianconero Getty Images
Iona Trifiletti | 17 Ottobre, 2017, 14:40

L'intervista completa a Giorgio Chiellini, che racconta in prima persona i propri 12 anni di Juventus, sarà in onda questa sera in esclusiva nel corso di J Talk, nel doppio passaggio delle 19.30 e 21.30, su Juventus TV (canale 212 di Sky). Il difensore della Juventus ha risposto alle domande dei cronisti alla vigilia della sfida con lo Sporting. Nel 2015 e nel 2017 siamo stati ad un passo dalla storia. Siamo una squadra che ha l'obiettivo di essere al punto giusto a marzo. Importante è fare punti durante questo periodo di assestamento. Siamo un gruppo intelligente con esperienza e sono convinto che già domani risponderemo. Non c'è da fare chissà che cosa, c'è da volere un po' di più il risultato, il resto viene di conseguenza. "Campionato corsa a tappe, vogliamo arrivare lì perché ci sentiamo di decidere noi le sorti nel bene e nel male". C'era rammarico dopo la Lazio, era tanto tempo che non perdevamo in casa. Però poi gli ingredienti sono quelli che ho elencato prima. Bisogna fare punti adesso però, dobbiamo dare qualcosina in più.

CONCENTRAZIONE - "Non è una questione di concentrazione, è questione di capire i momenti della partita". E' che certe volte ci sembra tutto troppo facile, ma non è presunzione. "Quando arrivi qui - spiega -, sei catapultato in un'altra realtà ed all'inizio si fatica un po', ma piano piano sono riuscito a conquistarmi il mio spazio". Il Barcellona arriverà primo, noi ci giochiamo tutto con lo Sporting. Quando non si prende gol sono il primo a dire che non è merito nostro o mio. "Sono equilibri sottili e si gioca tutto su quello, dobbiamo migliorare e lo sappiamo molto bene".

SPORTING - "Squadra migliorata rispetto lo scorso anno, ha preso giocatori importanti e ha un grande allenatore".

"E' una squadra molto più brava rispetto alla quarta fascia in cui è stata inserita nei sorteggi". Sarà molto difficile giocare nel loro stadio, intanto pensiamo a domani. "Stagione sfortunata, dopo Istanbul". Anche Pjanic non si era adattato subito. Il difensore livornese ha iniziato la sua conferenza parlando del momento vissuto in campionato, rassicurando tutti: "Negli ultimi anni siamo sempre stati dei diesel e anche quest'anno stiamo ripetendo il percorso dello scorso anno e di tre anni fa. C'è grande impegno da parte dei nuovi, anche buoni risultati".

RINNOVO - "Non ne ho mai parlato, ma non perché non lo voglia". Sono in famiglia, basteranno cinque minuti col caffè compreso.

Altre Notizie