Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Blitz neofascista a Como, perquisizioni anche a Genova

Perquisizioni all'alba nelle case di militanti skinheads Skinhead a Como, perquisizioni a militanti estrema destra
Evandro Fare | 07 Dicembre, 2017, 12:50

Le perquisizioni della polizia sono nei confronti di appartenenti alla formazione di estrema destra che nei giorni scorsi ha fatto irruzione in un circolo. Era il 28 novembre e il gruppo aveva compiuto un blitz al chiostro di Sant'Eufemia per leggere un messaggio.

La Digos di Como ha poi depositato presso quella Procura della Repubblica una dettagliata informativa con la quale sono stati ricostruiti i fatti delittuosi e generalizzati compiutamente i responsabili. Si accentua la tensione in città diventata epicentro, proprio nel periodo prenatalizio, di una tensione forte con il movimento di estrema destra Forza Nuova che ha confermato (nonostante il divieto) l'intenzione di manifestare in pieno centro, probabilmente sabato pomeriggio.

I sodali - si sottolinea - sono tutti appartenenti al gruppo di estrema destra "Veneto Fronte Skinheads", tutti indagati in concorso per il reato di violenza privata.

I poliziotti della Digos hanno perquisito, nello specifico, le abitazioni di diversi militanti del "Veneto Fronte Skinhead" tra Como, Brescia, Genova, Lodi, Mantova e Piacenza. Sono le "città di residenza degli indagati - si legge in una nota - con il coordinamento del Servizio per il Contrasto dell'Estremismo e del Terrorismo Interno della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione-Ucigos". Sono stati identificati grazie al logo del gruppo genovese che nelle immagini del raid si vede in modo chiaro sulle spalle dei bomber alla fine del blitz mentre i militanti sfilano via dai locali di Como solidale. Poche ore dopo una manifestazione del Pd.

Sono in corso dall'alba perquisizioni nelle case e in luoghi frequentati da skinhead, a Como e nel circondario.

Altre Notizie