Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

Carige cede 1,2 miliardi di Npl al 22%

Banca Carige seleziona Chenavari IM per Creditis Carige:ok Intesa,Unipol,Generali aumento
Quartilla Lauricella | 06 Dicembre, 2017, 13:22

La nota della società evidenzia come la transazione porterà a circa 2,2 miliardi di euro il totale delle cessioni di crediti in sofferenza realizzate da Banca Carige nel secondo semestre dell'anno.

Genova. Penultimo giorno per sottoscrivere l'aumento capitale di Banca Carige, e l'istituto di credito ha perfezionato alcuni dei passaggi che, teoricamente, avrebbero dovuto essere risolti proprio entro domani.

Banca Carige annuncia, inoltre, di avere siglato con Credito Fondiario anche un accordo vincolante per la cessione del ramo d'azienda relativo alla piattaforma di gestione dei crediti deteriorati insieme alla sottoscrizione di un contratto di servicing pluriennale.

Il corrispettivo della transazione ammonta a 31 milioni anche in questo caso con effetti migliorativi rispetto a quanto previsto nel Piano Industriale. Il corrispettivo della transazione è pari a 265,7 milioni, corrispondenti ad un prezzo di cessione di circa il 22,1% del valore nominale lordo.

Entrambe le operazioni giungono al termine di un processo competitivo che ha visto la partecipazione di oltre 30 investitori nazionali e internazionali.

Il closing dell'operazione, previsto entro il primo semestre 2018, è soggetto all'approvazione delle Autorità regolamentari.

(Teleborsa) - Il Consiglio di Amministrazione di Banca Carige ha conferito all'Amministratore Delegato Paolo Fiorentino delega per la selezione della controparte per la cessione di Creditis Servizi Finanziari e per la sottoscrizione dei relativi contratti. Allo stesso tempo Credit Suisse Securities, Deutsche Bank London Branch e Barclays Bank, si legge ancora, "confidenti nel buon esito dell'operazione di aumento di capitale, hanno confermato il proprio impegno a supportare Banca Carige nell'ambito del piano di rafforzamento patrimoniale".

In base alle delibere del CdA di Carige, Creditis passa in esclusiva a Chenavari Investment Managers, che ha già sottoscritto un impegno di prima allocazione con Equita SIM per un importo massimo di 40 milioni di euro.

Altre Notizie