Mercoledì, 25 Aprile, 2018

Famiglia avvelenata da tallio: colpa della tisana non commerciale

Famiglia avvelenata da tallio: colpa della tisana non commerciale Famiglia avvelenata da tallio: colpa della tisana non commerciale
Evandro Fare | 05 Dicembre, 2017, 17:39

Possibile svolta nel giallo del tallio.

Svolta nelle indagini sulla morte per avvelenamento da tallio di tre persone, tutte appartenenti alla famiglia Del Zotto. Un ritrovamento che fa pensare ad una tisana fatta in casa in cui le tracce di tallio erano in quantità superiori alla soglia minima di sicurezza. I carabinieri, durante un sopralluogo insieme alle autorità sanitarie locali avevano prelevato per farlo esaminare del cibo dalla casa di Maria Lina Pedon e Alessio Palma gli ultimi intossicati e anziani parenti delle tre vittime: Patrizia Del Zotto (62 anni), Giovanni Battista Del Zotto (94 anni) e Gioia Maria Pittana (87 anni).

Le erbe "contaminate" sono state trovate a casa della coppia, all'interno di un contenitore privo di indicazioni relative alla marca e alla provenienza: gli acertamenti sulla composizione e sull'eventuale presenza di tallio nella tisana sono stati effettuati dai tecnici dell'Agenzia Tutela Salute per la provincia di Monza e Brianza.

Alessio Palma e Maria Lina Pedon, marito e moglie ultraottantenni sono ricoverati dalla metà del mese di novembre all'ospedale per avvelenamento da tallio.

Resta da capire se le erbe possano essere quindi entrate in contatto con i sali di tallio solubili, molti dei quali sono quasi insapori, altamente tossici e in passato utilizzati in topicidi e insetticidi. Se in un primo momento si era ritenuto che gli escrementi dei piccioni fossero stati la causa dell'avvelenamento, ora si è compreso che il veleno era nell'erba di una tisana.

Altre Notizie