Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Google rilascia Android Oreo (Go Edition) per gli smartphone entry level

Google lancia Android Go, una versione del sistema operativo Oreo per i terminali di fascia bassa   4 Google lancia Android Oreo Go, il software per i dispositivi di fascia bassa
Bortolo Musarra | 05 Dicembre, 2017, 13:35

Dopo l'annuncio in occasione dello scorso Google I/O, la società californiana ha continuato a lavorare per rifinire al meglio quest'edizione Lite del proprio sistema operativo, integrata all'interno di Oreo e attivabile dagli OEM sui dispositivi economici dotati di una capacità tra 512 MB e 1 GB di RAM ed altre particolari caratteristiche.

Google sostiene che la Go Edition di Oreo utilizzerà il 50% di spazio in meno rispetto ad Android 7.0 Nougat.

Il motore di ricerca, in concomitanza con il lancio di questa nuova versione dell'OS, ha anche annunciato una nuova serie "rielaborata" delle Google apps: Google Go, Go Maps, Gmail, Go, YouTube Go, Google Assistant Go, Go Files, Gboard, Chrome, e Play.

Inoltre, se l'app raccoglie e trasmette dati che non siano strettamente collegati alle funzioni dell'applicazione stessa, "l'app dovrà evidenziare in modo inequivocabile" come questi dati verranno utilizzati e chiedere, ancora una volta, un consenso.

Come parte del suo progetto di rendere Internet un posto più sicuro per la navigazione, Google sta aumentando le misure di sicurezza in modo che i siti web non installino app indesiderate sui dispositivi Android.

Play Store: versione dedicata dello store che mette in evidenza le app ottimizzate per i dispositivi Android Go, con una sezione apposita dove trovano spazio tali software costruiti seguendo le apposite linee guida.

Android GO Oreo è pensato quindi per portare l'esperienza di Android 8 sui device entry level: il software arriverà entro i prossimi mesi, ma non sono state date ulteriori informazioni.

L'imminente arrivo di Android 8.1 Oreo corrisponde anche al rilascio ufficiale di Android Go, versione del robottino verde ottimizzata per i dispositivi con hardware meno potente, dunque pensata soprattutto per i mercati emergenti come India e America Latina.

Altre Notizie