Venerdì, 17 Agosto, 2018

Juventus, processo d'appello sulla compravendita dei biglietti: sentenza entro il 18 dicembre

Juventus processo d'appello sulla compravendita dei biglietti sentenza entro il 18 dicembre Juventus processo d'appello sulla compravendita dei biglietti sentenza entro il 18 dicembre
Iona Trifiletti | 05 Dicembre, 2017, 19:44

Ieri si è tenuta la seconda udienza presso la Corte d'Appello (la prima era stata rinviata per poter assumere nuovi documenti).

Tre ore e mezzo. Secondo "La Stampa" la difesa del presidente Agnelli ha chiesto l'assoluzione piena per il presidente e per la Juve (300mila euro di ammenda per i bianconeri). Andrea Agnelli, attuale presidente della Juventus, era stato accusato, insieme a Calvo (all'epoca dei fatti direttore commerciale della Juve), D'Angelo (ex security manager della Juve) e Merulla (ex responsabile del ticket office dei bianconeri) di aver intrattenuto un commercio illegale di biglietti e abbonamenti con ultras bianconeri ma, cosa ben più grave, anche con esponenti della malavita calabrese.

"La corte si è riservata la decisone - ha spiegato il legale di Agnelli - Franco Coppi - è un processo ricco di materiale da esaminare (circa 1200 pagine) e la procura ha ribadito le richieste iniziali". Ottimista? Io sono ottimista di natura, figuratevi se posso diventare pessimista solo perché ho sentito la discussione della controparte. Scrive Dagospia: "In questi giorni è a un punto di svolta l'inchiesta su piazza San Carlo, dove durante la finale di Champions tra Juventus e Real Madrid - per un falso allarme attentato - si scatenò il finimondo con un bilancio di oltre 1500 feriti e una donna morta". Il presidente della Juventus, che il 18 dicembre avrà già scontato quasi tre dei dodici mesi di inibizione cui è stato condannato in 1° grado, punta almeno a grattare via un'altra porzione di squalifica.

Altre Notizie