Lunedi, 23 Aprile, 2018

"Picchiata da un attore sul set", la rivelazione choc di Anna Mazzamauro

Anna Mazzamauro aggressione "Picchiata da un attore sul set", la rivelazione choc di Anna Mazzamauro
Calogero Calderone | 17 Dicembre, 2017, 20:03

In un'intervista rilasciata a Carla Massi per Il Messaggero ha raccontato di essere stata malmenata da un attore durante le riprese del film diretto da Fausto Brizzi 'Poveri ma ricchi' (commedia uscita nel 2016) e di aver evitato di raccontare l'accaduto su consiglio della produzione. La settantanovenne ha spiegato che sarebbe dovuta entrare in scena mentre gli altri protagonisti del film esultavano. Chiesi a Brizzi quale sarebbe stato il mio momento. "Così, tranquillamente mi misi ad aspettare" ha dichiarato l'interprete. Si è sovrapposta a quella di un attore. "Che, senza dire nulla, mi ha strattonata e picchiata sull'orecchio", ha quindi aggiunto.

La Mazzamauro ha rivelato che la produzione le ha chiesto esplicitamente di non fare uscire la notizia per non danneggiare la pellicola. #Anna Mazzamauro ha rimarcato di essersi sentita umiliata e triste. Sono andata all'ospedale. Mi è stato chiesto dal medico e dall'agente di denunciare ma ho preferito tacere - ha proseguito la Mazzamauro - E la stessa produzione che, adesso, si erge a moralista nei confronti di un autore al quale legalmente non è stato riconosciuto alcun peccato. In tal senso, la Mazzamauro - intervistata dal 'Messaggero' - s'è mostrata decisamente innocentista, anche perché le gravissime accuse mossegli sono poi cadute nel nulla: "Io sto dalla parte del signor Brizzi, sì scrivi pure signor Brizzi, della signora Claudia Zanella la moglie e della loro bambina che un giorno sarà la signorina Penelope Nina".

"Quando ho subito una violenza, meglio dire quando sono stata picchiata sul set, sono stata zitta". "Quando sono stata picchiata e ho mandato una civilissima ed educatissima lettera per mettere la produzione al corrente di quello che era accaduto non ho ricevuto neppure una telefonata", dice. Ero sul set di Poveri ma Ricchi. "Molti dicono che io difendo Brizzi perché, ovviamente, data la mia atipicità, non mi ha mai molestata". Oggi è pentita di quella scelta. Non solo: la Mazzamauro era decisa a non partecipare al sequel della pellicola ma alla fine ha ceduto ottenendo in cambio un aumento del compenso e la scritta del suo nome più grande sui manifesti. Credevo mi dicessero di no. E invece mi hanno detto sì. Il lavoro è lavoro, ho accettato. L'attore in questione, del quale non è stato avanzato il nome, dopo le riprese della pellicola tornò da lei a parlarle e dirle che non ce l'aveva con lei, invitandola a credergli. Nonostante tutto, la Mazzamauro ha deciso di tornare sul medesimo set per il seguito di Poveri ma ricchi, ma nelle sue parole emerge comunque una vena di pentimento per averlo fatto, ovviamente ed unicamente per lavoro.

Altre Notizie