Mercoledì, 19 Settembre, 2018

Arabia Saudita, Ben Salman apre alle donne: più diritti, ancora vincoli

In Arabia Saudita hanno aperto gli stadi anche alle donne Arabia Saudita, Ben Salman apre alle donne: più diritti, ancora vincoli
Evandro Fare | 13 Gennaio, 2018, 22:51

Per la prima volta in Arabia Saudita le donne sono entrate negli stadi da calcio per assistere alle partite del campionato professionistico. L'apertura è parte della riforma del principe bin Salman.

L'Autorità Generale dello Sport saudita ritiene che le donne occuperanno 7.500 posti nel settore a loro riservato nello stadio internazionale di re Fahd a Riad.

Gli stadi - fa ancora sapere Arab News online - si sono attrezzati come si conviene per accogliere le signore: zone di preghiera, sale bagno, aree fumatrici e naturalmente ingressi separati. Prima in assoluta la partita fra le squadre di Baten e Ahli allo stadio di Gedda, porto sul Mar Rosso tradizionalmente meno esposto alle restrizioni imposte dalla rigida dottrina religiosa di Stato. Una separazione che dovrà essere rispettata anche al di fuori dello stadio, nei parcheggi e nei percorsi di accesso alla struttura.

Allo stesso modo, i concerti di musica saranno riservati soltanto al pubblico femminile.

Con qualche probabilità, il consenso interno servirà a Ben Salman a raggiungere gli obiettivi riformatori che connotano la sua scalata al potere.

A novembre scorso risale una dura campagna "anti-corruzione" con cui ha eliminato diversi rivali interni all'establishment saudita.

Fine ultimo quello di accompagnare il Paese nella delicata transizione economica da sistema dipendente dalle risorse petrolifere a Paese in grado di offrire impieghi anche nel settore terziario.

Altre Notizie