Sabato, 20 Gennaio, 2018

Eco - Istat: occupazione ai massimi dal 1977

Lavoro, Istat: a novembre 23,18 milioni occupati, al top dal '77 Occupazione, crescono i giovani e le donne
Quartilla Lauricella | 10 Gennaio, 2018, 18:17

Cala la disoccupazione in Italia.

Secondo l'stat gli occupati in Italia toccano la quota record di 23,183 milioni di unità a novembre.

Dopo la diminuzione del mese scorso, a novembre la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni è ancora in calo (meno 0,5 per cento, pari a meno 61 mila). Se nel complesso, dice l'Istituto di statistica, il tasso di occupazione ha raggiunto il 58,4%, un livello ancora mezzo punto inferiore ai livelli del 2008, per le donne il tasso è ora al 49,2%, il livello più alto di sempre (oltre 1,5 punti percentuali superiore e a quello del 2008). L'aumento dell'occupazione, soprattutto a causa dell'andamento demografico e della stretta sull'accesso alla pensione, si concentra tra gli over 50 che segnano una crescita di 52mila occupati su ottobre 2016. La crescita si concentra tra i lavoratori dipendenti, mentre calano gli indipendenti. E resta al palo la fascia d'età tra i 35 e i 49 anni, quella che dovrebbe imprimere maggiore propulsione all'economia del Paese. Si tratta del livello più basso da settembre 2012. I giovani senza lavoro scendono al 32,7% (-1,3 punti), il minimo da gennaio 2012. Tra i 15-24enni è cresciuto di 1,4 punti rispetto a novembre 2016, mentre tra i 25 e i 34 anni il tasso è salito di 1,2 punti percentuali.

Segnali positivi dall'Istat sul fronte lavoro. In questi minuti, anche e soprattutto sui social, alcuni esponenti del Partito Democratico, quindi dell'attuale Governo Gentiloni, danno risalto agli ultimi dati ISTAT sull'occupazione, facendo riferimento a quanto fatto dal governo. Diametralmente opposta la lettura dell presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, secondo il quale le riforme "dimostrano di dare slancio al Paese, a cominciare dal Jobs Act", perciò "non vanno smontate ma adeguatamente potenziate". Solo che, sottolinea la leader Cgil Susanna Camusso, "c'è un ennesimo boom dei contratti a termine". E scende la disoccupazione giovanile.

Agenpress. "I numeri non mentono, ma con i numeri si può mentire, sicché il Pd farebbe bene ad andare cauto nello strombazzare i dati Istat sulla riduzione della disoccupazione. Servono più che mai impegno e serietà, non certo una girandola di illusioni".

Altre Notizie