Sabato, 18 Agosto, 2018

La Lazio accelera, per ora è terza

Iona Trifiletti | 29 Gennaio, 2018, 14:28

E' una Lazio che continua a segnare tanto e si propone anche in classifica come protagonista. Tra serie A e serie B (tra i cadetti un 1-1 nel 1981 e in 5-1 per il Diavolo nel 1983) si contano addirittura solo tre affermazioni della Lazio a Milano sui rossoneri dal 1966 ad oggi. Le aquile, però, si sono assicurate il record di punti conquistati nel girone d'andata nell'era dei tre punti. Ad aprire le danze è in realtà un'autorete di Samir dopo 22′, con Parolo in agguato e pronto a ribadire in rete, l'Udinese crea e spreca un'azione corale firmata Barak-Lopez-Perica lasciando i biancocelesti in vantaggio all'intervallo. Privo di Immobile, l'allenatore Inzaghi, l'ha schierato centravanti e il calciatore, grazie all'esperienza e alla padronanza di palleggio, si è disimpegnato alla grande anche in questo ruolo.

"Veder entrare così in campo giocatori che magari erano stati impiegati meno, è motivo di grande orgoglio". Soddisfatto mister Inzaghi: "Temevo questa partita, siamo stati bravi a prepararla nel migliore dei modi". Adesso il tecnico aspetta buone notizie dal De Vrij: "Stiamo aspettando la firma che penso arriverà presto". A inizio anno nessuno ci metteva in corsa con le altre corazzate. Di fronte a tutto questo, il fatto che Inzaghi non abbia il capocannoniere del campionato diventa quasi un dettaglio: Immobile non ha un infortunio grave, proverà a recuperare per la doppia sfida con il Milan di domenica (campionato) e mercoledì (Coppa Italia), però la Lazio brilla ugualmente. Loro sono una squadra ben costruita. Proveremo a restare in alto fino alla fine, anche se non sarà facile. Il segreto del successo biancoceleste?

Altre Notizie