Giovedi, 18 Gennaio, 2018

Nel 2018 aumentano sensibilmente i prezzi delle sigarette elettroniche

Stretta fiscale sulle sigarette elettroniche, parte la caccia a liquidi e nicotina (prima degli aumenti) Cosa cambia con le sigarette elettroniche
Moreno Priola | 10 Gennaio, 2018, 15:21

L'ultima tendenza si chiama "Nic", nicotina disciolta in acqua ad alte concentrazioni (150 milligrammi litro a fronte di un limite massimo di legge di 20): uno dei tanti modi - un altro è ricorrere al mercato estero senza formalizzarsi però più di tanto sulla qualità e provenienza del prodotto - per aggirare gli effetti collaterali di questa vera e propria guerra che si combatte, è il caso di dirlo, sull'aria.

Nonostante l'entità dei danni causati dal fumo di sigaretta sia ormai ampiamente riconosciuta, secondo le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2025 si conteranno oltre un miliardo di fumatori. Il discorso vale anche per comprare una boccetta di glicerina e aromi la cui vaporizzazione crea solo vapore acqueo. Una leva fiscale che in breve tempo, sostengono gli operatori, ammazzerà il mercato.

Un "regalo" alle grandi industrie del tabacco, dice sempre la lobby delle svapo, concepito e inserito nel Decreto fiscale dall'ex sottosegretario di Ala, Simona Vicari, oggi non più in carica perché indagata dalla Dia di Palermo per una vicenda di iva abbassata dal 10 al 4% sui trasporti marittimi in cambio di un Rolex.

A partire dal 1° gennaio 2018 saranno sottoposti alle regole previste nella legge 22 dicembre 1957 n. 1293 riguardante l'Organizzazione dei servizi di distribuzione e vendita dei generi di monopolio anche la vendita di prodotti contenenti nicotina o altre sostanze idonei a sostituire il consumo dei tabacchi lavorati, "compresi i dispositivi elettronici e le sostanze da inalazione senza combustione, contenenti o meno nicotina". Infine, ha imposto ai produttori di liquidi di pagare tutte le tasse arretrate. Nella nuova versione alcune nuove norme sono state ammorbidite e altre eliminate del tutto. Le associazioni di categoria avevano anche presentato un ricorso al Tar, il quale aveva concesso una sospensiva sui versamenti allo Stato.

La tassazione delle sigarette elettroniche priva inoltre i cittadini della possibilità di acquistare materiale online: questo provvedimento è scattato durante lo scorso mese di dicembre e sono tantissimi i siti che stanno venendo oscurati dai Monopoli, al momento è illegale anche l'acquisto da siti esteri. E fin qui si potrebbe anche essere d'accordo.

Molti consumatori si stanno affrettando quindi a fare scorta di questi liquidi. Glicerolo che, è bene sottolinearlo, viene venduto in farmacia ed erboristeria e che viene usato per tantissime preparazioni alimentari e/o cosmetiche.

Nel Regno Unito vengono date gratuitamente dal Sistema Sanitario Nazionale, in Italia costeranno più delle sigarette normali. Linda Bauld, professore di politica sanitaria presso l'Università di Stirling e vicedirettore del Centro britannico per gli studi sul tabacco e l'alcol ha scritto sul Guardian: "Le sigarette elettroniche sono meno dannose del fumo perché non contengono tabacco".

Altre Notizie