Venerdì, 17 Agosto, 2018

Omicidio De Stefani in Thailandia: si cerca l'ex moglie

Thailandia polizia conferma uomo ucciso è italiano Omicidio De Stefani in Thailandia: si cerca l'ex moglie
Evandro Fare | 22 Gennaio, 2018, 18:10

Pare che fosse però rientrato di recente attraversando illegalmente da clandestino il confine con il Laos: su questo punto e sull'intera operazione di indagini attorno alla morte orrenda inflitta al 62enne sta monitorando la situazione anche il servizio di sicurezza dell'Interpol in Thailandia tramite l'esperto italiano Andrea Vitalone.

Il responsabile della polizia di Bung Narang, il colonnello Chaisathien Maneejak, ha riferito che De Stefani e Rujira avevano vissuto insieme per un anno e lui era andato via a ottobre scorso. I suoi resti sono stati ritrovati parzialmente bruciati su alcuni copertoni.

De Stefani risiedeva a Chiavenna (Sondrio) ed era pensionato. I due sarebbero fuggiti dopo il delitto a bordo di una Toyota Yaris targata 1374 Samut Songkhram. I due sono sospettati di aver tagliato il corpo dopo l'assassinio e di averlo chiuso in una valigia per trasportarlo fino a un'area isolata nel bosco, dove avrebbero poi dato fuoco a tutto.

Dinamica. Gli inquirenti locali seguono la pista del delitto passionale.

Gli inquirenti hanno trovato il passaporto italiano della vittima a casa della donna, dove sono state rinvenute anche macchie di sangue.

L'ambasciata d'Italia a Bangkok, in stretto raccordo con il ministero degli Esteri, segue con attenzione il caso del connazionale ritrovato senza vita in Thailandia e si è fin da subito attivata con le autorità locali per svolgere tutte le verifiche di rito e prestare tutta l'assistenza necessaria. Stando a quanto riporta l'agenzia Ansa, la polizia avrebbe fatto sapere che l'uomo ucciso era stato inserito in una "lista nera" da parte dell'immigrazione thailandese.

Altre Notizie