Mercoledì, 17 Ottobre, 2018

Solidarietà di Libera ai "Briganti di Librino"

Catania incendio alla club house de I Briganti e Bianco Solidarietà di Libera ai "Briganti di Librino"
Evandro Fare | 12 Gennaio, 2018, 16:02

In quel luogo, i volontari che operano sono un'esperienza che incrociamo ogni estate con i nostri volontari di EstateLiberi. "Non ci sono parole sufficientemente adeguate a descrivere quanto accaduto a Catania" dicono i parlamentari, che lanciano un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella affinché martedì prossimo visiti i luoghi devastati dal rogo.

"Il vile gesto che ha provocato la distruzione del locale dei Briganti rugby di Librino, a Catania, costituisce una offesa arrecata alla intera comunita' catanese".

La società di rugby è una delle poche squadre che rappresenta in Sicilia questo sport e, nonostante le mille difficoltà, ha sempre cercato di portarsi avanti e di poter dare speranza a tanti ragazzi di farsi strada nel mondo della palla ovale.

"E' un attacco che ha dei mandanti - aggiungono - e non bastera' raccogliere i cocci. Un atto di arroganza e di sfida che merita una risposta ferma e pronta da parte di tutte le istituzioni".

Ce lo hanno dimostrato con il rugby, con l'aggregazione che esso comporta, con i libri della Librineria e con i laboratori che la biblioteca popolare ospitava: tutte azioni capaci di creare coesione, invertendo l'esclusione sociale e aggredendo la povertà educativa. "Esprimo la vicinanza e la solidarietà dell'Università di Catania all'associazione Briganti di Librino per il vile atto intimidatorio subito - ha detto il rettore Francesco Basile, all'indomani dell'incendio che ha distrutto la sede allestita dai volontari nel quartiere periferico di Catania -, che ha duramente colpito una realtà attiva come la Club House della stessa associazione: una struttura che, da oltre dieci anni, offre ai giovani del quartiere, delle valide opportunità di socializzazione e crescita facendo leva sui valori dello sport e della cultura". Già in passato -continua Tomarchio - io insieme agli altri colleghi della commissione comunale, ai tecnici ed agli esperti di Palazzo degli Elefanti avevamo lanciato appelli, presentando pure proposte per il coinvolgimento dei privati, per recuperare tutte quelle strutture che a Librino possono fare la differenza tra il riscatto e il degrado. Non solo trofei vinti in dieci anni, ma anche la Librineria, il materiale tecnico e la cucina. E non e' il primo gesto compiuto contro i Briganti. Hanno usato il fuoco perché sanno che il fuoco brucia tutto: le cose, le speranze, le fatiche.

Nella pagina Facebook del club si legge: "La nostra Club House non esiste più". Avete sprecato energie e tempo, voi inetti che avete appiccato il fuoco. Ma i Briganti, dopo essersi fatti forza al cancello del Campo San Teodoro Liberato, dopo lo choc, hanno inviato un altro messaggio: "Comunicazione di servizio per i nostri amici che hanno pensato di aprire le porte e incendiare: vi comunico che neppure il fuoco ci può fermare.il FUOCO è vita".

Altre Notizie