Sabato, 20 Gennaio, 2018

Tifosi e calciatori dell'Entella uniti da Whatsapp

Da oggi Primocanale è anche su Whatsapp ecco come inviarci Whatsapp diventa a pagamento a 0,89 euro nel 2018: vero o bufala con il direttore Yong Lin?
Bortolo Musarra | 09 Gennaio, 2018, 16:54

WhatsApp non sarà a pagamento a partire dal 13 gennaio 2018. Quanto ai videomessaggi di WhatsApp, però, potrebbe esserci una controindicazione: poiché i nuovi smartphone registrano video in altissima qualità, il trasferimento potrebbe essere più lento e soprattutto comportare un problema di storage per chi riceve i filmati. Un esempio dell'ultimo testo in circolazione: "Da sabato mattina 13 gennaio 2018 WhatsApp diventerà a pagamento, se hai almeno 20 contatti manda questo messaggio a loro".

Del messaggio se ne stanno propagando anche diverse varianti, che citano fantomatici servizi di telegiornali, che in realtà non ci sono mai stati.

WhatsApp a pagamento, la solita bufala torna a far tremare gli utenti. Forse si. In effetti la spiegazione del pericolo imminente è costruita meglio che in passato: proprio il fantomatico direttore Yong Lin nel corso di una conferenza stampa del 3 gennaio (altrettanto fake) a Shangai, avrebbe annunciato come il servizio di messaggistica messo in vendita sia diventato da gratuito a pagamento appunto. In questi casi, il consiglio che vi diamo è quello di verificare subito tramite il sito ufficiale dell'app o i suoi profili social, su Facebook e Twitter. Probabilmente, gli sviluppatori hanno già pensato alle contromosse (una conversione al volo delle clip prima del trasferimento?), ma qualcosa si può fare lato utente: ossia cominciare a recuperare un po' di spazio nella memoria del proprio telefonino in previsione della ricezione di qualche nota video da parte di amici e parenti.

Altre Notizie