Giovedi, 18 Gennaio, 2018

Torino, esonerato Mihajlovic! Ecco chi è in pole per sostituirlo

Mihajlovic torna a parlare: “Dispiace per Cairo. Sto diventando una mezza se…” Striscia la notizia, Tapiro d'Oro a Sinisa Mihajlovic per l'esonero dal Torino
Iona Trifiletti | 13 Gennaio, 2018, 19:14

Sinisa Mihajlovic dopo l'esonero di questa mattina, successivo alla sconfitta subita dal suo Toro contro la Juventus in Coppa Italia, è stato vittima di insulti pesanti da parte del deputato Massimo Corsaro (ex Msi, ora nell'orbita dei Riformisti di Raffaele Fitto e dei Conservatori). Mazzarri è l'undicesimo tecnico sotto la presidenza di Urbano Cairo. Ma preferisco i fatti. La soddisfazione non la leggo sui giornali. Lo dico per elogiare il periodo in nerazzurro. Troppo poco per illudere i tifosi granata che la loro squadra potesse arrivare a disputare la semifinale di coppa, anche se l'arbitro Doveri ha malamente interrotto il disperato forcing granata, prendendo un granchio colossale prima in proprio e poi dopo la consultazione del VAR non fischiando una punizione per entrata assassina di Khedira su Acquah: il bianconero colpisce, sì, il pallone allungando la gamba ma falcia anche le due caviglie del granata. "Spero di dare la mia esperienza alla società". Alla fine i risultati si valutano, vedremo dove siamo arrivati. Dobbiamo migliorare di partita in partita. "L'importante è che ci sia sinergia giocatori-tecnico". Ho sempre potuto scegliere progetti. Proverò e proveremo. C'è anche un minimo di scaramanzia. "Cominciamo a sentirci positivi". Feeling che però non è bastato a portare qualche vittoria in più e a far decollare la stagione dei granata. "Prima devo capire alcune cose". Ma che il passaggio alle semifinali del percorso tricolore, in casa Juventus poi, fosse uno sparti acque della sua stagione, questo non era sottolineato. Io curo molto i rapporti personali, vedrò cosa posso fare. Da ieri sto cercando di captare il più possibile dai miei ragazzi. Sono decisioni che prendiamo insieme, io ad ogni modo non ero evidentemente soddisfatto di come andavano le cose. Chiaramente il vero lavoro comincerà dalla prossima settimana quando avremo piu tempo", ha proseguito Mazzarri secondo cui "i giocatori devono essere scientifici.

Credo sia il primo a sapere che la passione per certi eventi sportivi induce ad eccessi irrazionali. "In panchina a volte venivo considerato un "agitato" ma credetemi che finché la partita non è finita do' tutto per vincere". C'è bisogno di pensare positivo. Vorrei sentire un corpo unico, sul campo e sugli spalti. Il 3-5-2, con varianti di 3-4-2-1, rimane il sistema di gioco di riferimento. Nazionale? Mi ha fatto piacere essere stato chiamato dal Torino. Onestamente, amo partire da giugno, anche perchè sostituire un allenatore come Mihajlovic non è semplice.

Altre Notizie