Venerdì, 17 Agosto, 2018

Torino, esonerato Mihajlovic: il successore sarà Mazzarri

Valerio Staffelli consegna il Tapiro d'Oro a Mihajlovic Torino, esonerato Mihajlovic: il successore sarà Mazzarri
Iona Trifiletti | 13 Gennaio, 2018, 14:32

Entrare al Filadelfia ieri mi ha fatto venire la pelle d'oca. Ho bisogno di stimoli per fare questo lavoro. "Sono davvero carico ed emozionato". Vediamo se questi ragazzi ci daranno soddisfazione subito. E sono i dettagli a fare la differenza. Il Toro è stato anche un po' sfortunato: non voglio trovare alibi, a volte non c'è stata fortuna.

Eppure gli esordi da allenatore avevano fatto ben sperare. Ora ci sono io, li prego di seguire le mie idee.

Sembra il momento della definitiva consacrazione, ma le aspettative vengono totalmente deluse. Iniziamo a pensare positivo. "Sia noi in campo che i tifosi sugli spalti". A questo si sommano le diverse vedute sul piano tecnico-tattico: quel gioco che in due stagioni Mihajlovic non ha saputo migliorare e l' utilizzo di determinati giocatori. "A me piacerebbe partire da giugno ovviamente e mi spiace per Mihajlovic che stimo molto". Fatti non parole. Lo spirito di Mazzarri è sempre partita per partita: cresceremo se penseremo partita dopo partita, correggendoci dopo. Ha giocato come centrocampista in alcune delle squadre più importanti d'Italia, tra cui la Fiorentina e il Cagliari.

Ma l'obiettivo Europa League è sempre possibile? Il bel gioco deve essere finalizzato al risultato. Credo sia già un gruppo valido. Un solo tiro in porta serio, di Mjang, che ha colpito il palo contro una serie nurtita di occasioni per la Juve buttate all'aria malamente soprattutto da Mandzukic. Poi ci saranno il presidente, Petrachi e Comi che vi diranno le strategie.

NIANG - "Niang è un ragazzo che conosco, è un bravo ragazzo". Mihajlovic potrà forse consolarsi con l'affetto che gli hanno dimostrato i suoi giocatori, dispiaciuti per l'improvviso esonero, tanto da presentarsi in piena notte nel suo hotel dopo aver appreso la notizia. Vale per tutti, anche per aziende non sportive. Mi spiace per Sinistra Mihajlovic, ma sono contento per Mazzarri, a cui pensavo già dal lontano 2007. Venne a trovarmi a Milano, rimanemmo insieme fino alle 2 del mattino, sono oltre 10 anni che provo a prenderlo. Conoscete bene la sua attività: da Livorno alla Reggina, compresa la partenza con handicap. Il secondo cambio dopo la nona giornata, con Roberto De Zerbi che ha preso il posto di Marco Baroni sulla panchina del Benevento, ultimo a zero punti. Per lui un amaro finale anche per l'irriguardoso commento, sui social, del parlamentare di destra massimo Corsaro, juventino sfegatato e nemico del politicamente corretto: "Mihajlovic uno zingaro che guida una squadra di frustrati perdenti".

Altre Notizie