Mercoledì, 26 Settembre, 2018

Walter Mazzarri è il nuovo allenatore del Torino

Mihajlovic Tapiro di Striscia la Notizia e frecciata a Cairo e alla VAR Walter Mazzarri è il nuovo allenatore del Torino
Iona Trifiletti | 12 Gennaio, 2018, 18:38

Cairo soddisfatto, tifosi un po' meno. I granata hanno provato ad imbastire una timida reazione ma, tranne un palo colpito da Niang, non hanno mai portato seri pericoli alla porta bianconera.

TORINO - Juventus-Torino è già di per sé un derby molto sentito. La società granata, probabilmente delusa dai risultati collezionati dalla squadra dall'inizio della stagione a oggi, ha deciso di sollevare Mihajlovic dal suo incarico. Il tecnico di San Vincenzo ha battuto la concorrenza di Reja e Davide Nicola (per il quale la società avrebbe dovuto attendere Giugno in quanto l'allenatore avendo già allenato il Crotone in questa stagione non ha la possibilità di accasarsi in nessun altro club in Italia). Da tempo sotto esame, Miha paga l'eliminazione dalla Coppa Italia.

Termina così l'esperienza in granata del quarantottenne tecnico serbo, che era subentrato il 26 maggio 2016 a Giampiero Ventura. Un uomo che recentemente ha guidato Napoli, Inter e Eatford senza fortuna. I nerazzurri nella stagione 2013-2014 arrivano quinti con una squadra sicuramente non attrezzata per vincere. Non concentrandosi su una propria peculiarità, ma cercando di ottenere il massimo nelle due fasi di gioco, ha finito per non riuscire a salvare nè capra, nè cavoli.

Allora Sinisa Miahjlovic (nota a margine: fino a qualche anno fa era considerato uno dei migliori tecnici sulla piazza, ma da qualche mese è in regressione e pare essersi perso, ndr) non è più l'allenatore del Torino. Ha fatto grandi cose alla Reggina, poi alla Samp e ha fatto benissimo a Napoli.

E poi quelle continue bordate dei tabloid inglesi contro di lui. Insomma, forse il buon Sinisa non riesce a trasmettere ai suoi giocatori quella grinta e quel carattere che lo contraddistingue. Acqua passata anche questa. Più positiva l'avventura a Catania, dove guida la squadra al 13/mo posto, stabilendo il record di punti degli etnei in A, battuto poi da Maran. La sterzata però va fatta subito. A Mazzarri il compito di invertire la rotta.

Mazzarri sarà coadiuvato dal vice Nicolò Frustalupi, dal preparatore Giuseppe Pondrelli e dall'assistente Claudio Nitti.

Ribaltone in panchina in casa del Torino. Le trattative sono in corso, ma il tecnico toscano sempre il più accreditato. Ora il francese, in cerca di riscatto all'ombra della Mole, può essere l'arma su cui puntare.

Il ritorno di Walter Mazzarri: che Torino vedremo? L'allenatore però ha poca voglia di scherzare.

Altre Notizie