Lunedi, 18 Giugno, 2018

Wi-Fi Alliance annuncia il nuovo protocollo WPA3

Bortolo Musarra | 12 Gennaio, 2018, 16:34

La Wi-Fi Alliance, associazione non a scopo di lucro formata da alcuni tra i principali "big" dell'industria (fra i nomi più importanti ci sono quelli di Apple, Samsung, Sony, LG, Intel, Dell, Broadcom, Cisco, Qualcomm, Motorola, Microsoft e Texas Instruments), ha annunciato l'arrivo del nuovo standard WPA3 (Wi-Fi Protected Access 3). Il ricercatore sostiene che l'incremento di connessioni tra persone attraverso internet potrebbe danneggiare la comunicazione non verbale: siamo abituati a relazionarci con le persone faccia-a-faccia, in questi contesti non è tanto la vista a contare, quanto altri aspetti come i suoni, gli odori o il tatto, online tutto questo non c'è.

Il WPA2, l'attuale standard di sicurezza wireless, in uso dal 2004, utilizza un handshake a quattro vie per consentire in modo sicuro ai dispositivi con una password pre-condivisa di collegarsi a una rete.

Ad esempio, un utente sarà in grado di usare smartphone o tablet per configurare le opzioni WiFi WPA3 di un altro dispositivo che non dispone di una schermata, ad esempio piccoli dispositivi IoT come serrature intelligenti, lampadine smart e altro ancora.‎ WiFi Alliance infine ha fatto sapere anche che WPA3 utilizzerà un nuovo protocollo di cifratura a 192 bit in linea con le indicazioni del CNSS (Committee on National Security Systems). Questi miglioramenti saranno finalizzati a "ridurre il potenziale di vulnerabilità causate da errate configurazioni di rete e a salvaguardare le regi gestite con servizi di autenticazione centralizzati".

Questo protocollo di sicurezza wireless bloccherà anche un utente malintenzionato dopo troppe richieste di password non andate a buon fine. Non mancheranno nuove tecniche per garantire la privacy dei singoli dati trasmessi nella rete oltre a speciali crittografie indicate maggiormente nelle reti di tipo governativo. "La designazione Wi-Fi Certified significa che i dispositivi Wi-Fi soddisfano i più elevati standard di interoperabilità e protezioni di sicurezza". Proprio per questo, si poteva facilmente immaginare il protocollo di sicurezza Wi-Fi sarebbe stato aggiornato in tempi veloci.

Leggi anche: Attacco KRACK alle reti Wi-Fi, e adesso che succede?

Altre Notizie