Mercoledì, 17 Ottobre, 2018

100 milioni di fatture per false ricerche di mercato copiate dalla rete

100 milioni di fatture per false ricerche di mercato copiate dalla rete 100 milioni di fatture per false ricerche di mercato copiate dalla rete
Quartilla Lauricella | 23 Febbraio, 2018, 19:32

Copiavano da internet ricerche, tesi universitarie, analisi di mercato e le fatturavano. L'operazione 'Fake Download' ha portato alla luce un giro di fatture false del valore di oltre 100 milioni di euro. Con tale escamotage, l'imprenditore realizzava un duplice illecito profitto: da un lato, i costi per tali falsi noleggi venivano, contestualmente, compensati con falsi ricavi dovuti all'emissione di altre fittizie fatture a soggetti compiacenti e, dall'altro, i crediti Iva accumulati venivano utilizzati per chiudere i debiti tributari della società.

32 persone (5 della zona bresciana e 27 delle province di Verona, Brescia, Milano, Pavia, Cremona, Bergamo e Torino) sono state denunciate per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e di emissione di fatture per operazioni inesistenti. I finanzieri infatti hanno scoperto che i dossier indicati nelle fatture fittizie erano il plagio di materiale didattico già realizzato da altri soggetti estranei alla vicenda. Il "copia-incolla" dei documenti veniva fraudolentemente venduto, dunque, come ricerca di mercato "originale". Tra i casi più emblematici ricostruiti dalle Fiamme Gialle di Brescia vi sono: la copiatura di slide preparate per i propri studenti da un Professore universitario di Economia dell'Ateneo di Modena e Reggio Emilia, "fatturate infragruppo" per oltre 500.000 euro.

Altre Notizie