Domenica, 15 Luglio, 2018

Militante di Potere al Popolo accoltellato a Perugia

Al via la prima circoscrizione 4.0 in funzione la postazione di Ponte Felcino Militante di Potere al Popolo accoltellato a Perugia
Moreno Priola | 23 Febbraio, 2018, 23:12

E' stato sentito a sommarie informazioni dalla Digos, dichiarando di essere rimasto vittima insieme al cugino di una aggressione e di aver ricevuto quattro coltellate più una bastonata in bocca. Entrambi sono stati medicati e dimessi. E' quanto si apprende in una nota di Potere al Popolo, in cui si esprime "vicinanza e affetto" ai due militanti aggrediti a Perugia. La conferma degli investigatori sulla dinamica della brutta faccenda è avvenuta pochi istanti fa: "il militante è stato aggredito e accoltellato, in maniera non grave, mentre stava affiggendo dei manifesti elettorali nella zona di Ponte Felcino", si legge sul Messaggero tra i primi a dare la notizia questa mattina.

Accoltellato a Perugia un militante di Potere al Popolo mentre affiggeva manifesti elettorali: aggredito in volto anche un altro militante, si cercano i responsabili.

Qualunque sia la verità, c'è da dire che in Italia sta tirando un brutto vento e c'è il rischio di una nuova stagione di violenza politica dettata dall'odio ideologico, alimentato o meno. "Le modalità dell'aggressione sono inequivocabilmente quelle che caratterizzano i gruppi di estrema destra, da anni, nel silenzio e nella distrazione della politica e delle istituzioni" sottolineano Andrea Ferroni, portavoce dei Giovani comunisti e capolista in Umbria di Potere al popolo, e Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, candidato per lo stesso partito.

Altre Notizie