Martedì, 23 Ottobre, 2018

Cina a Usa, no a guerra commerciale

Taipei City Ministero della difesa cinese accusa gli USA di interferire nella politica di PechinoCC BY 2.0 David Hsieh Taipei City
Calogero Calderone | 21 Marzo, 2018, 13:48

Lo ha detto il premier Li Keqiang, nella conferenza stampa di chiusura del Congresso nazionale del popolo, aggiungendo che "le dispute devono essere risolte con i negoziati, le consultazioni e il dialogo".

Un discorso, quello del presidente della Cina, di fervente nazionalismo, contro ogni tentativo di separatismo da Taiwan e Hong Kong, e orientato a dipingere Pechino sempre più come potenza globale.

Il presidente cinese Xi Jinping ha inviato oggi un messaggio alla controparte russa Vladimir Putin per congratularsi dopo la vittoria alle presidenziali di domenica che valgono il quarto mandato di sei anni al Cremlino.

"Solo chi è abituato a minacciare gli altri vedrà ognuno come una minaccia", ha sottolineato Xi.

"Soltanto il socialismo può salvare la Cina".

Le parole di Xi Jinping sulla diplomazia cinese ha attirato anche l'attenzione dei ambasciatori stranieri in Cina. Xi ha ribadito gli sforzi per dare alle forze armate uno status "di prim'ordine".

Xi, esprimendo il raggiungimento di un ulteriore rafforzamento, ha menzionato la partnership strategica tra i due Paesi salita ai massimi livelli storici, quale esempio di "un nuovo tipo di relazioni internazionali basate sul mutuo rispetto, onestà e giustizia, cooperazione e risultati reciprocamente vantaggiosi in una comunità con un futuro condiviso per l'umanità".

Altre Notizie