Lunedi, 18 Giugno, 2018

Corte Conti apre fascicolo su Berlusconi e compravendita senatori

Berlusconi-De Gregorio Corte dei conti apre inchiesta su compravendita senatori   
                       
                
         Oggi alle 10:0 Berlusconi-De Gregorio Corte dei conti apre inchiesta su compravendita senatori Oggi alle 10:0
Evandro Fare | 13 Marzo, 2018, 13:04

La Corte dei Conti del Lazio ha aperto un fascicolo di indagine per la vicenda della compravendita di senatori effettuata da Silvio berlusconi nel 2007. I magistrati contabili indagano sul caso della compravendita di senatori che vede protagonisti Berlusconi e De Gregorio e che portò alla caduta del governo targato Romano Prodi.

Nelle motivazioni di quella sentenza, andata in prescrizione il 20 aprile 2017, i giudici sostenevano che "le dazioni di denaro effettuate da Berlusconi, tramite Lavitola (ex direttore dell'Avanti condannato a sua volta, ndr), a De Gregorio sono state effettuate quale corrispettivo della messa a disposizione del senatore e, quindi, della sua rinuncia a determinarsi liberamente nelle attività parlamentari di sua competenza, e non certo come mero finanziamento al Movimento Italiani nel Mondo".

In sostanza, per quanto riguarda i danni d'immagine la Corte dei Conti potrebbe chiedere fino al "doppio del valore della tangente pagata o intascata da un pubblico ufficiale o da un dipendente della pubblica amministrazione" e dunque, sebbene il reato sia caduto in prescrizione, all'epoca del processo venne quantificata in tre milioni di euro.

L'indagine contabile è partita dopo la fine del processo penale a carico del leader di Forza Italia. Berlusconi potrebbe dover pagare di tasca propra per il danno d'immagine subito dallo Stato e per la crescita dello spread provocata dalla caduta del governo di centrosinistra. Nuova battaglia nelle aule di tribunale in vista per il Cavaliere?

Altre Notizie