Lunedi, 18 Giugno, 2018

Eni: raggiunta intesa con Cfs per produrre energia pulita

Eni investe nella fusione e nella ricerca siglati accordi con Cfs e Mit Eni: raggiunta intesa con Cfs per produrre energia pulita
Quartilla Lauricella | 11 Marzo, 2018, 06:49

CFS è stata costituita da un gruppo di ex ricercatori e scienziati del MIT che da anni è impegnato nelle ricerche sulla fisica del plasma e sulla fusione. L'obiettivo è produrre energia utilizzando i superconduttori ad alta temperatura che sono già in commercio. L'iniziativa getta il guanto di sfida principalmente all'ITER, il progetto di reattore a fusione termonucleare oggi più avanzato, nel cui ricco consorzio di partner rientra anche l'Italia attraverso l'Enea. Non stupisce, quindi, che l'#eni abbia ufficializzato in queste ore di aver acquisito una partecipazione nel Commowealth Fusion Sistem per complessivi 50 milioni di dollari e, nello stesso tempo, abbia stilato un accordo formale con il Mit di Boston per arrivare a creare il primo impianto di produzione energetica a fusione nucleare.

Il progetto Eni-CFS punta alla seconda strada.

L'ingresso di Eni nella CFS sarà perfezionato entro il secondo trimestre del 2018.

Gli accordi odierni si inquadrano nella strategia di decarbonizzazione di Eni e rappresentano la volontà di rafforzare le partnership di ricerca nel settore energetico, grazie anche allo sviluppo di tecnologie game changer, per rispondere ai crescenti fabbisogni energetici con soluzioni sostenibili in termini ambientali ed economici. "Un traguardo siamo determinati a raggiungere in tempi brevi".

Altre Notizie