Lunedi, 10 Dicembre, 2018

"I conti segreti di Salvini", l'inchiesta che fa tremare la Lega

"I conti segreti di Salvini", l'inchiesta che fa tremare la Lega
Evandro Fare | 30 Marzo, 2018, 18:51

Torna a intervenire sul governo il leader del Carroccio, Matteo Salvini. "Si parte dai progetti, non dai nomi, dai premier" ha detto rispondendo a una domanda sull'ipotesi di un governo tra Lega e M5S, senza Berlusconi, non gradito agli uomini di Grillo.

"I conti segreti di Salvini", titola L'Espresso, che ha deciso di approfondire e capire che fine hanno fatto i 'tesori' della Lega, compresi quei 48 milioni di euro "che il tribunale di Genova vorrebbe mettere sotto sequestro dopo la condanna di Bossi per truffa ai danni dello Stato". "Si parte dalle cose da fare - ha detto - tasse, lavoro, sicurezza. l'importante sono le cose da fare". "Sono pronto a incontrare tutti - ha ribadito - a partire dai 5 stelle, ovviamente".

Guardando però i numeri -e soprattutto la composizione- appare assai improbabile questo tipo di aiuto perché sia alla Camera che al Senato il misto è monopolizzato da Liberi e uguali.

"Io vado in Parlamento se c'è una possibilità di dare un governo in breve tempo agli italiani", ha detto, aggiungendo di vedere "difficile" un accordo "al tavolo con Renzi, Martina, Delrio" ma affermando di essere "ben disponibile a lavorare" con i 5 stelle. "Speriamo di fare lo stesso per il Governo". Insomma, le trame si muovono e il vertice tra Salvini e Di Maio forse potrà essere risolutivo appena qualche ora prima di salire al Colle (4 e 5 aprile, ndr) per illustrare a Mattarella il piano di battaglia: interessante un altro sussurro che arriva dal Parlamento, questa volta in forma anonima e grillina (raccolto dall'Ansa), "Stanno facendo come i gamberi, un passo avanti e due dietro".

Intanto il Pd discute sull'atteggiamento da tenere in vista delle consultazioni.

Altre Notizie