Lunedi, 18 Giugno, 2018

Lazio, Tare: "Campionato falsato, Var ha tolto minimo 12 punti"

Lazio allergia Var Lazio, Tare: "Campionato falsato, Var ha tolto minimo 12 punti"
Iona Trifiletti | 13 Marzo, 2018, 13:58

Esplode la rabbia in casa Lazio.

Sull'uso del VAR: "A cosa serve parlare?" Ad esternare la forte amarezza della Lazio, è stato il direttore sportivo Igli Tare, intervistato stamattina dal quotidiano Il Corriere dello Sport: "Ci ha tolto come minimo 12 punti - tuona il dirigente laziale - ma anche con 6 saremmo già quasi in Champions". Il campionato è stato totalmente falsato, non sappiamo più qual è il limite tra errori e buona fede. Vi siete risposti da soli... "La Lazio viene colpita quando riesce a salire in alto". Nell'occhio del ciclone sono finite in particolare le due partite contro Fiorentina e Torino: nella prima gara è stato concesso un rigore allo scadere alla Viola, grazie alla tecnologia di cui sopra, mentre nel secondo, sempre con l'utilizzo del Var, l'arbitro ha espulso Immobile per una testata a Burdisso (episodio dubbio), subito dopo che alla stessa Lazio non era stato concesso un calcio di rigore per fallo di mano di Iago Falque.

Siamo amareggiati, delusi e stanchi. Stiamo andando avanti anche se non e' facile parlare di CALCIO, di tattica o di altro con i nostri giocatori.

Infine: "Non chiediamo favori, ma solo rispetto ed equità di giudizio".

Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione biancocelste, ha voluto fare il punto della situazione ai microfoni di Radio Olympia: "La Lazio sta continuando ad essere danneggiata in questo campionato, compromettendo l'ottimo lavoro svolto sul campo che i risultati stavano e tuttora stanno premiando".

"Il campionato è falsato, anche se la Lazio non vuole credere al complotto. l malanimo della categoria arbitrale nei nostri confronti è evidente".

E ora rimangono 10 giornate: "Non voglio dare percentuali, ma se continuiamo a lottare e correre, sono convinto che la Lazio possa raggiungere un risultato che sarebbe meritato, nonostante le difficoltà: noi continuiamo a sognare, perché la qualità c'è".

Altre Notizie