Lunedi, 18 Giugno, 2018

"È molto probabile che la Russia sia responsabile" dell'attacco con

Theresa May ANSA AP +CLICCA PER INGRANDIRE
Evandro Fare | 13 Marzo, 2018, 11:40

Quest'ultimo aveva detto che gli Stati Uniti hanno piena fiducia nella valutazione del Regno Unito secondo cui la Russia sarebbe stata probabilmente responsabile dell'avvelenamento. In particolare il diplomatico dovrà chiarire la circostanza secondo la quale le tossine usate a Salisbury sono "del tipo" delle sostanze che Mosca produce. Theresa May ha infatti ricordato il, per certi aspetti analogo, caso Litvinenko, la contestata annessione della Crimea e le accuse di interferenze nelle elezioni in altri Paesi da parte di esponenti vicini all'oligarchia russa.

Da parte sua il ministero degli Esteri di Mosca ha bollato come "uno show da circo" le dichiarazioni rese da Theresa May. I rapporti della Gran Bretagna con la Russia non sono destinati a tornare al livello di "business as usual", ha detto ancora la premier britannica ai Comuni, annunciando di voler "parlare con gli alleati" della Nato per coordinare le risposte in caso di mancanza di "risposte credibili" da Mosca. Mentre l'ambasciata russa a Londra si era detta "oltraggiata dalla campagna anti-russa portata avanti dai media" britannici "allo scopo di esercitare pressione sugli investigatori e di influenzare psicologicamente l'opinione pubblica con la connivenza" di ambienti politici.

All'ambasciatore russo a Londra, il ministro degli Esteri Boris Johnson ha chiesto di fornire "immediatamente informazioni complete" sul programma Novichok all'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac). May ha quindi evocato la possibilità di "estendere le misure" e le sanzioni contro la Russia.

Immediata la risposta di Mosca al suo discorso. Molte le sollecitazioni da deputati di tutti i gruppi al governo alla linea dura.

Altre Notizie