Mercoledì, 19 Settembre, 2018

Treni, Metro e autobus: sciopero generale per l'8 marzo a Roma

Ancora proteste dei'nastrini rossi contro le assunzioni lontano da casa Treni, Metro e autobus: sciopero generale per l'8 marzo a Roma
Quartilla Lauricella | 09 Marzo, 2018, 05:15

Per i servizi ferroviari metropolitani: la circolazione lungo il sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e il sfmA Torino-Aeroporto-Ceres sarà garantita da inizio servizio alle 8:00 e dalle 14:30 alle 17:30. Le Frecce circoleranno regolarmente, mentre gli orari garantiti per i treni regionali sono compresi tra le 6:00 e le 9:00 e tra le 18:00 e le 21:00.

Si possono consultare, sul sito dell'Enac, i voli che saranno garantiti nella giornata. Non sono invece garantite le corse degli autobus notturni nella notte tra il 7 e l'8 marzo. Tutti i dettagli sono disponibili qui. Scuola, sanità e trasporti sono a rischio caos per lo sciopero generale proclamato dall'Usb. L'agitazione tocca tutti i servizi (regionale, suburbano, aeroportuale e a lunga percorrenza). I collegamenti aeroportuali Milano Cadorna-Malpensa Aeroporto e Malpensa Aeroporto-Bellinzona potranno essere sostituiti con autobus.

Saranno previste comunque delle fasce orarie di garanzia, dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, all'interno delle quali il trasporto sarà regolare.

Italo prevede scioperi fino alle 21:00 di giovedì 8 marzo. La lista è consultabile a questo link. Infine, i passeggeri che hanno acquistato un biglietto Alitalia per viaggiare l'8 marzo, in caso di cancellazione o di modifica dell'orario del proprio volo, "potranno cambiare la prenotazione senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto (solo nel caso in cui il volo sia stato cancellato o abbia subito un ritardo superiore alle 5 ore) fino al 15 marzo". Disagi previsti anche nelle scuole, dove potrebbero aderire allo sciopero gli insegnanti e il personale che aderiscono alle organizzazioni Slaicobas, Usi e Usb. Anche il Cub sanità e i Cobas sanità, università e ricerca hanno proclamato una protesta con astensione per l'intero turno mentre nella Capitale, per iniziativa delle rappresentanze sindacali unitarie, si fermeranno i lavoratori dei servizi anagrafici e a proclamare un'astensione di 24 ore anche i Cub di tessili ed edili. Sono in programma saranno azioni, picchetti e presidi durante la mattina e cortei pomeridiani "contro la violenza maschile sulle donne, contro la mancanza di finanziamenti e riconoscimento dei Centri antiviolenza, contro la chiusura degli spazi delle donne, contro l'obiezione di coscienza nei servizi sanitari pubblici, per il diritto a un welfare universale, al reddito di autodeterminazione, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all'educazione scolastica, a misure di sostegno per la fuoriuscita dalla violenza".

Altre Notizie