Lunedi, 18 Giugno, 2018

Tusk sulla Brexit: prima l'Irlanda

Ue Tusk Gb si aspetti frizioni in rapporti commercio post-Brexit Tusk sulla Brexit: prima l'Irlanda
Moreno Priola | 08 Marzo, 2018, 22:05

I servizi finanziari e i confini tra le due Irlande, sono i punti più spinosi.

Ma se le posizioni del Regno Unito evolvessero, l'Ue "sarà pronta riconsiderare la sua offerta", ha aggiunto in questa bozza di testo, che dovrà ancora essere approvata durante un vertice europeo il 22 e 23 marzo a Bruxelles, prima di diventare la posizione dell'Ue. "I servizi riguardano regole comuni, la supervisione e l'applicazione di regole comuni per garantire parità di condizioni".

"A dicembre abbiamo affrontato gli aspetti più difficili dell'uscita del Regno Unito dalla Unione europea nel 2019". Katainen ha sottolineato che "i feedback che ho ricevuto dal settore finanziario mi dicono che sono preparati, sono realisti e non intendono correre rischi, perché il loro dovere è servire i clienti". "Ho sentito le parole del Cancelliere dello Scacchiere britannico sui servizi finanziari che a suo dire sarebbero di interesse reciproco sia del Regno Unito sia dell'Ue".

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, frattanto, ha minacciato di bloccare "progressi sostanziali" nei negoziati sulla Brexit se il governo di Theresa May non presentera' una "proposta specifica e realistica" per evitare la frontiera fisica tra Irlanda e Irlanda del Nord. "Rispetto pienamente la sua competenza quando definisce ciò che è nell'interesse del Regno Unito, ma faccia decidere a noi cosa è nell'interesse dell'Unione europea", ha precisato Tusk.

Altre Notizie